venerdì 20 gennaio | 15:26
pubblicato il 07/mag/2013 11:28

Crisi: Squinzi, decrescita felice non puo' esistere

(ASCA) - Milano, 7 mag - ''La decrescita felice non esiste e non puo' esistere''. Questa la parola d'ordine del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che dal palco dui un convegno dedicato alla figura del premio Nobel per la chimica Giulio Natta ha ribadito ''la necessita' di ritornare a una visione industriale e della manifattura per l'economia del paese. Una manifattura moderna fondata sulla conoscenza e sulla trasformazione in valore economico''. Percio', secondo Squinzi, ''dobbiamo fare un ulteriore sforzo per una mobilitazione generale che miri a costruire sviluppo e non a distruggere lavoro e occupazione''. Perche' il rischio, ha concluso il numero uno degli industriali, e' quello di ''sgretolare quel capitale di conoscenze, competenze e innovativita' che proprio campioni come Giulio Natta erano riusciti a creare''.

fcz/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"