domenica 04 dicembre | 03:08
pubblicato il 05/mag/2014 12:16

Crisi: Scola, finanza sia etica, con questa incertezza rischio paralisi

Crisi: Scola, finanza sia etica, con questa incertezza rischio paralisi

(ASCA) - Milano, 5 mag 2014 - La situazione attuale caratterizzata da ''assoluta incertezza'' apre al rischio di paralisi nell'economia. Ne e' convinto l'Arcivescovo di Milano, Cardinale Angelo Scola, intervenuto eccezionalmente all'assemblea annuale Consob in occasione del 40mo anniversario dalla fondazione della Commissione. La massima autorita' religiosa del capoluogo lombardo e' tornata a insistere sulla necessita' di puntare sulla finanza etica: ''Occorre adoperarsi - e' il suo appello - non solo perche' nascano settori etici nella finanza e nell'economia, ma perche' l'intera economia e finanza siano etiche''. Una svolta e' necessaria perche' secondo Scola ''c'e' una paura assai diffusa del futuro che blocca l'intrapresa e la paura di impegnarsi in iniziative economico finanziarie di lungo respiro. Di fronte alla situazione attuale di assoluta incertezza, c'e' rischio di una paralisi che rappresenta il contraccolpo del lungo periodo di effervescenza finanziaria in cui era prevalsa la convinzione che tutti i rischi potessero essere gestiti con strumenti finanziari sempre piu' innovativi''.

fcz/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari