sabato 03 dicembre | 13:23
pubblicato il 01/ago/2013 17:01

Crisi: R&S, tra 2008 e 2012 dividendi per 11 mld alle casse dello Stato

(ASCA) - Milano, 1 ago - Lo Stato Italiano ha incassato 11 miliari di dividendi tra il 2008 e il 2011. Il dato emerge dal Rapporto sulle societa' quotate elaborato dal Centro R&S di Mediobanca. Secondo lo studio, la parte del leone l'hanno fatta Eni ed Enel, che nel periodo preso in esame hanno garantito alle casse nazionali dividendi rispettivamente per 5,9 e 3,7 miliardi. I tecnici del centro studi diretto da Gabriele Barbaresco hanno anche fatto il punto sulle in iniezioni di liquidita' arrivate alle grandi famiglie di industriali sotto forma di dividendi. A guidare la classifica e' la holding della famiglia Rocca che, tramite Tenaris, ha ricevuto tra 2008 e 2012 oltre un miliardo di euro. Circa 870 sono invece i milioni affluiti alla Delfin di Leonardo Del Vecchio e oltre 500 i milioni pagati alle holding della famiglia Berlusconi.

E ancora: 239 milioni a Diego Della Valle, 200 milioni ai Benetton, 185 alla Sapa degli Agnelli e 143 alla famiglia Recordati.

fcz/lus/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari