sabato 03 dicembre | 23:40
pubblicato il 22/gen/2013 18:30

Crisi: Profumo, ripresa dovra' ripartire da internazionalizzazione

Crisi: Profumo, ripresa dovra' ripartire da internazionalizzazione

(ASCA) - Mogliano Veneto, 22 gen - Secondo il Presidente di MPS, Alessandro Profumo, la ripresa, per quanto riguarda l'Italia, dovra' partire ''dall'internazionalizzazione, dalla ricerca di valorizzazione delle nostre competenze di base.

Per fortuna i prodotti e i servizi sono molto apprezzati''. Parlando con i giornalisti a margine di un convegno a Mogliano Veneto, Profumo ha ricordato che ''le banche italiane hanno con le famiglie e le imprese 130 euro di impieghi ogni 100 euro di depositi. Quindi abbiamo dato tanto. Il problema e' che oggi - ha proseguito Profumo - non c'e' la capacita' di continuare a crescere rispetto a questi 130 euro. Certamente una serie di banche e tra queste MPS hanno deciso di focalizzarsi sulle piccole e medie imprese, ovviamente quelle che pensiamo possano superare questa fase di crisi. Ricordiamo - ha concluso il presidente di MPS - che quando noi perdiamo dei soldi che abbiamo prestato, mangiamo capitale dei nostri azionisti e riduciamo la capacita' di stare sul mercato. Dobbiamo dialogare per capire come passare la crisi per quanto riguarda le imprese medio piccole''.

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari