venerdì 09 dicembre | 12:51
pubblicato il 08/mag/2012 05:10

Crisi/ Oggi Monti vede Rehn, focus su debito PA con imprese

Problema dei pagamenti che penalizzano conti pubblici dello Stato

Crisi/ Oggi Monti vede Rehn, focus su debito PA con imprese

Bruxelles, 8 mag. (askanews) - Il problema del debito della pubblica amministrazione italiana verso le imprese sarà uno dei temi al centro dell'incontro che il premier, Mario Monti, avrà oggi a Roma con il commissario Ue agli Affari economici e monetari, Olli Rehn, alle ore 17 presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Un problema reso ancora più urgente dalla lettera di richiamo che il commissario all'Industria, Antonio Tajani, invierà sempre oggi a tutte la capitali per sollecitare l'attuazione della direttiva Ue sul ritardo dei pagamenti della PA alle imprese (il termine ultimo per mettersi in regola con i pagamenti è il 15 marzo 2013). Il problema riguarda l'effetto negativo che questi pagamenti (per l'Italia si tratta di circa 80 miliardi di euro, oltre 4 punti percentuali di Pil) hanno sulla posizione contabile degli Stati, in termini di aggravamento delle procedure di deficit eccessivo e di possibile sanzione da parte dei mercati (e delle agenzie di rating). Gli Stati, insomma, non dovrebbero essere penalizzati dall'Europa per il solo fatto di voler pagare le imprese per i prodotti e i servizi che hanno fornito alle pubbliche amministrazioni. Per il premier italiano, si tratta innanzitutto di una questione contabile, tecnicamente di competenza della Commissione, che va risolta prima dell'entrata in vigore del 'Fiscal Compact', il trattato che impone il pareggio di bilancio agli Stati membri dell'Eurozona, che renderebbe tutto più difficile. Non è un caso che a Bruxelles si stia già muovendo il ministro per gli Affari europei, Enzo Moavero Milanesi, che ha incontrato almeno due commissari, Tajani e il suo collega responsabile del Mercato unico, Michel Barnier. Stamattina, poi, prima di recarsi a Roma, Rehn vedrà gli altri commissari durante la riunione settimanale del collegio europeo, ed è possibile che l'argomento venga evocato, almeno a margine, se non nella riunione vera e propria.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina