sabato 10 dicembre | 16:08
pubblicato il 24/gen/2013 17:46

Crisi: occupazione, riforma fisco e taglio spesa al centro piano Cgil

Crisi: occupazione, riforma fisco e taglio spesa al centro piano Cgil

(ASCA) - Roma, 24 gen - La crescita dell'occupazione come motore centrale per superare la crisi e far ripartire il Paese. E' questo il ''nodo'' centrale del Piano per il lavoro che la Cgil presentera' domani e dopodomani al Palalottomatica di Roma e che vuole essere un concreto suggerimento al prossimo governo per cambiare l'agenda economica e politica seguita fino ad ora.

Il Piano per il lavoro, che si richiama all'analogo documento presentato nel 1949 dal carismatico segretario della Cgil, Giuseppe Di Vittorio al congresso di Genova, indica in oltre un milione di posti di lavoro l'obiettivo che si puo' raggiungere nel prossimo triennio con una nuova politica economica. Per la Cgil, infatti, cambiando strategia l'occupazione, invece di continuare a diminuire quest'anno di un altro 0,4%, salirebbe dell'1,5%, pari a circa 350 mila posti di lavoro in piu' e cosi', all'incirca nei due anni successivi, per un totale appunto di un milione di posti di lavoro nel triennio. In sostanza, il sindacato guidato da Susanna Camusso punta su un Progetto per lo sviluppo e l'innovazione, centrato su un ''Piano straordinario per la creazione diretta di lavoro'' e su un ''Piano per un nuovo Welfare'' che abbia come priorita' quattro settori: ''Infanzia, non autosufficienza, poverta' e integrazione''.

Il piano della Cgil punta poi al recupero di capitale.

Prima fra tutte figura la riforma fiscale che per il sindacato potrebbe portare nelle casse dello Stato almeno 40 miliardi di euro l'anno in piu' di ora. Denaro recuperato attraverso una patrimoniale sulle grandi ricchezze, un aumento dell'imposizione sulle transazioni finanziarie, l'introduzione di tasse ambientali, un piano strutturale di lotta all'evasione fiscale.

Per il sindacato di corso d'Italia il nuovo fisco dovrebbe pesare di meno su dipendenti e pensionati, per i quali si propone il taglio di due aliquote Irpef (la prima dal 23 al 20%) e la terza (dal 38 al 36%), l'aumento delle detrazioni specifiche e dei sostegni per i carichi familiari.

Accanto alla riforma fiscale per la Cgil e' possibile ridurre la spesa pubblica di 20 miliardi, tagliando 10 miliardi di incentivi alle imprese e recuperando 10 miliardi da un miglior utilizzo dei fondi europei. L'obiettivo resta quello di raccogliere circa 80 miliardi di risorse da impiegare per la crescita.

glr/rf/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina