sabato 03 dicembre | 03:25
pubblicato il 12/set/2011 10:18

Crisi/ Non si fermano crolli, Milano -4%, risale spread Btp-Bund

Pesano timori su crisi debiti, banche, frenata crescita e Bce

Crisi/ Non si fermano crolli, Milano -4%, risale spread Btp-Bund

Roma, 12 set. (askanews) - Continuano a crollare le Borse mondiali e anche in Europa sono ripartite le cadute a catena in avvio di settimana: a metà mattina a Milano il Ftse-Mib cede il 4,08 per cento; Londra subisce un meno 2,49 per cento, Parigi meno 4,79 per cento, Francoforte meno 3,57 per cento. A pesare sono una molteplicità di fattori, che vanno dai persistenti allarmismi sui rischi di solvibilità dei debiti pubblici nell'area euro, mentre tornano forti scetticismi sulla Grecia e sul meccanismo di aiuti Ue-Fmi che da mesi tiene a galla il paese, a nuove tensioni che prendono di mira il settore bancario, tra indiscrezioni di stampa di possibili declassamenti di rating a carico di istituti della Francia che zavorrano pesantemente i relativi titoli. Di fondo si fa sentire anche il generalizzato timore di pesanti rallentamenti della ripresa economica nei paesi avanzati, con lo spauracchio di una ricaduta in recessione. E ad esacerbare l'allarmismo di questo quadro, venerdì scorso si sono aggiunte le dirompenti dimissioni del capo economista della Bce, Juergen Stark, piombate mentre si svolgeva il vertice del G7 delle Finanze a Marsiglia. Sulle prime hanno innescato una tempesta di voci su fratture con il resto del direttorio in merito al programma di acquisti di titoli di Stato dell'istituzione monetaria, riattivato ad inizio agosto e che è stato esteso anche alle emissioni di Italia e Spagna - oltre a quelle di Grecia, Irlanda e Portogallo - dopo timori di una estensione della crisi debitoria. Successivamente vari esponenti della Bce hanno cercato di rassicurare, in particolare il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet che ha ripetutamente affermato che Stark ha lasciato per ragioni personali. L'interessato finora non ha parlato. Già venerdì scorso l'euro era crollato a ricaduta di questa vicenda, oggi cede ulteriormente a 1,3561 dollari (la scorsa settimana fluttuava al di sopra di 1,40). Gli impegni del G7 sulla riadozione di uno spirito di coordinamento globale nelle politiche economiche, tra scetticismi su cosa possano sortire in concreto, non sembrano per ora esser riusciti a rassicurare i mercati. E la tensione che si è riscatenata si è fatta sentire anche sui titoli di stato italiani, con aumenti dei rendimenti che si erano registrati anche nella seduta di venerdì. Oggi i tassi retributivi sui Btp decennali si attestano al 5,51 per cento, e in questo modo il differenziale di rendimento (spread) rispetto agli equivalenti tedeschi, i bund, risale a 381 punti base. Significa che per trovare acquirenti sul mercato, le emissioni italiane già scambiate devono offrire 3,81 punti percentuali di rendimento in più come maggiorazione di premio di rischio. Intanto si profilano pesanti cali anche a Wall Street: quando mancano cinque ore e mezza dall'avvio di seduta i contratti futures sull'indice Dow Jones cedono l'1,82 per cento, i futures sul Nasdaq l'1,65 oper cento. Torna a calare il petrolio, a New York il barile è a 85 dollari, a Londra il Brent a 110 dollari, mentre si indebolisce anche l'oro, stamattina l'oncia si attesta a 1.840 dollari. Giù anche le Borse dell'Asia oggi: Tokyo ha chiuso al meno 2,31 per cento, Hong Kong al meno 4,25 per cento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari