lunedì 20 febbraio | 14:33
pubblicato il 20/dic/2013 10:42

Crisi: Nomisma, serve prelievo una tantum del 10% sui piu' ricchi

(ASCA) - Roma, 20 dic - Un preliveo straordinario del 10% sulle ricchezze del 10% del 10% delle famiglie italiane piu' ricche. Una proposta formulata nella newsletter di Nomisma scritta dal presidente Pietro Modiano e dal capo economista Sergio De Nardis.

''Si stima che la ricchezza liquida delle famiglie italiane, al netto di attivita' reali, titoli di stato e partecipazioni in societa' di persone, sia pari a circa 2.400 miliardi. Si puo', inoltre, stimare che Il 47,5% di questo ammontare, ovvero 1.130 miliardi, sia posseduto dal 10 % piu' ricco delle famiglie italiane. Un prelievo una tantum del 10% su questa fascia darebbe luogo a un gettito di entrate per lo stato di 113 miliardi di euro, 7 punti percentuali di PIL, da distribuire a favore delle famiglie piu' povere e delle imprese. Se questa tassa sul patrimonio venisse pagata in quattro rate annuali di 28 miliardi, il bilancio pubblico potrebbe fornire uno stimolo equivalente nell'arco di un quadriennio all'economia, modificandone il sentiero di crescita'', scrivono Modiano e De Nardis.

''Una manovra di prelievo straordinario sulla ricchezza e redistribuzione alle famiglie disagiate e alle imprese della dimensione ipotizzata, che si avviasse nel 2014 e si ripetesse nel successivo triennio (fino al 2017) porterebbe fra cinque anni, nel 2018, a un PIL piu' elevato di circa il 4,5% rispetto al livello di uno scenario di base. Il tasso di crescita dell'economia nel quinquennio 2013-2018 aumenterebbe di quasi un punto all'anno passando dall'1,2% dell'andamento tendenziale al 2,1% nell'ipotesi con manovra. La piu' forte crescita dell'economia si tradurrebbe in un rapporto debito/PIL nel 2018 piu' basso di circa cinque punti percentuali'', spiegano i due economisti.

Non solo un prelievo one-off, ma per Nomisma occore anche continuare a portare avanti le riforme in direzione della razionalizzazione della spesa pubblica, della lotta all'evasione, della semplificazione della burocrazia e della politica; solo cosi' si riuscira' a dare seguito nel lungo periodo allo sviluppo dell'economia italiana una volta che gli effetti della manovra saranno venuti meno.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia