sabato 21 gennaio | 08:18
pubblicato il 24/gen/2012 14:44

Crisi/ Monti: Posizioni Germania evolveranno dopo Fiscal Compact

Quando sarà rassicurata su serietà disciplina bilancio di tutti

Crisi/ Monti: Posizioni Germania evolveranno dopo Fiscal Compact

Bruxelles, 24 gen. (askanews) - Secondo il presidente del Consiglio e ministro dell'Economia, Mario Monti, le diverse posizioni nel dibattito in corso sulle soluzioni alla crisi dell'euro, e in particolare la posizione della Germania, evolveranno dopo l'entrata in vigore del nuovo 'Patto di bilancio' ('Fiscal Compact'). Rassicurando i tedeschi sulla serietà degli impegni di disciplina finanziaria di tutti gli Stati membri, questo dovrebbe 'ammorbidirne' in particolare l'opposizione all'aumento della 'potenza di fuoco' del nuovo fondo salva-Stati permanente, l'Esm. "La mia percezione è che la visione, la valutazione e la posizione di tutti i soggetti in gioco sia suscettibile di variazione al verificarsi, ormai imminente, di un accordo politico, della ratifica e della rapida entrata in vigore del trattato sul 'Fiscal Compact'. Questo, indipendentemente dal fatto che si reputi lo stesso fiscal compact davvero necessario o no per l'Europa", ha detto Monti rispondendo ai cronisti alla fine dell'Ecofin oggi a Bruxelles. Chi ha voluto il 'Fiscal Compact', ovvero il governo tedesco, ha osservato il premier, "lo ha voluto per sentirsi rassicurato sulla serietà degli impegni di tutti circa la disciplina di bilancio. Le posizioni di ciascuno - ha continuato Monti - evolveranno in rispetto a questo". Tuttavia, ha avvertito il presidente del Consiglio, "il modo migliore per lasciarle evolvere è lasciare che succeda senza forzarne l'evoluzione attraverso pronunciamenti pubblici". Rispondendo a un cronista che chiedeva se, come accademico, fosse d'accordo con quanti, da Prodi, a Delors a economisti come Krugman, sostengono la necessità che la Banca centrale europea (Bce) diventi prestatore di ultima istanza, Monti ha poi affermato: "Come presidente del Consiglio non posso esprimere il libero pensiero creativo che magari un economista potrebbe avere". Ma, ha concluso Monti, "anche in questo caso (ovvero sul ruolo della Bce e l'atteggiamento tedesco, ndr) c'è un'evoluzione, sebbene non sull'aspetto riguardante i titoli pubblici, ma per quanto riguarda la grossa operazione di rifinanziamento delle banche che è stata condotta dalla Bce".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4