sabato 25 febbraio | 10:51
pubblicato il 24/gen/2012 14:44

Crisi/ Monti: Posizioni Germania evolveranno dopo Fiscal Compact

Quando sarà rassicurata su serietà disciplina bilancio di tutti

Crisi/ Monti: Posizioni Germania evolveranno dopo Fiscal Compact

Bruxelles, 24 gen. (askanews) - Secondo il presidente del Consiglio e ministro dell'Economia, Mario Monti, le diverse posizioni nel dibattito in corso sulle soluzioni alla crisi dell'euro, e in particolare la posizione della Germania, evolveranno dopo l'entrata in vigore del nuovo 'Patto di bilancio' ('Fiscal Compact'). Rassicurando i tedeschi sulla serietà degli impegni di disciplina finanziaria di tutti gli Stati membri, questo dovrebbe 'ammorbidirne' in particolare l'opposizione all'aumento della 'potenza di fuoco' del nuovo fondo salva-Stati permanente, l'Esm. "La mia percezione è che la visione, la valutazione e la posizione di tutti i soggetti in gioco sia suscettibile di variazione al verificarsi, ormai imminente, di un accordo politico, della ratifica e della rapida entrata in vigore del trattato sul 'Fiscal Compact'. Questo, indipendentemente dal fatto che si reputi lo stesso fiscal compact davvero necessario o no per l'Europa", ha detto Monti rispondendo ai cronisti alla fine dell'Ecofin oggi a Bruxelles. Chi ha voluto il 'Fiscal Compact', ovvero il governo tedesco, ha osservato il premier, "lo ha voluto per sentirsi rassicurato sulla serietà degli impegni di tutti circa la disciplina di bilancio. Le posizioni di ciascuno - ha continuato Monti - evolveranno in rispetto a questo". Tuttavia, ha avvertito il presidente del Consiglio, "il modo migliore per lasciarle evolvere è lasciare che succeda senza forzarne l'evoluzione attraverso pronunciamenti pubblici". Rispondendo a un cronista che chiedeva se, come accademico, fosse d'accordo con quanti, da Prodi, a Delors a economisti come Krugman, sostengono la necessità che la Banca centrale europea (Bce) diventi prestatore di ultima istanza, Monti ha poi affermato: "Come presidente del Consiglio non posso esprimere il libero pensiero creativo che magari un economista potrebbe avere". Ma, ha concluso Monti, "anche in questo caso (ovvero sul ruolo della Bce e l'atteggiamento tedesco, ndr) c'è un'evoluzione, sebbene non sull'aspetto riguardante i titoli pubblici, ma per quanto riguarda la grossa operazione di rifinanziamento delle banche che è stata condotta dalla Bce".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech