sabato 25 febbraio | 10:39
pubblicato il 21/nov/2011 05:10

Crisi/ Monti lavora a prime misure, Ici, Iva e lotta all'evasione

Stamani in cdm una prima ricognizione, poi missione europea

Crisi/ Monti lavora a prime misure, Ici, Iva e lotta all'evasione

Roma, 21 nov. (askanews) - Prima il pacchetto fiscale con Ici, Iva e lotta all'evasione, subito dopo la riforma delle pensioni e del mercato del lavoro, passando per un serrato confronto con sindacati e imprese. Sullo sfondo la patrimoniale. Il premier Mario Monti, mentre prepara la missione in Europa di martedì, mercoledì e giovedì, è al lavoro sulle misure aggiuntive richieste da Bruxelles, una correzione da circa 20-25 miliardi. Il governo vuole dare subito un segnale ai mercati e ai colleghi europei sull'attuazione veloce e rigorosa di un percorso antideficit e sulle misure per rimettere in moto la crescita. Stamani, in consiglio dei ministri, una ricognizione preliminare del primo pacchetto da varare o venerdì o subito dopo la riunione dell'Eurogruppo e dell'Ecofin del 28-29 novembre. Sul tavolo più di un intervento. Tra le prime misure all'esame un ritorno dell'Ici sulla prima casa con un faro sui maggiori patrimoni. Si sta ragionando se rimodulare l'imposta municipale unica Imu o il nuovo tributo rifiuti e servizi (Res). Un tassazione che comunque dovrebbe essere progressiva. Allo studio anche un tetto più basso ai pagamenti con i contanti, un'abitudine ancora molto radicata in Italia. Per combattere l'evasione fiscale si sta valutando di abbassare l'attuale soglia da 2.500 euro a 500-350 euro, al di sopra della quale non si potranno usare le banconote. Misura accompagnata dall'eliminazione delle commissioni sull'uso delle carte di credito. Non è escluso che si valuti anche un aumento delle commissioni per il prelievo al bancomat. Tra le ipotesi anche un aumento dell'Iva, dal 21 al 23% e delle accise sulla benzina e su gas e gasolio da riscaldamento. Oltre a un nuovo pacchetto di tagli alla spesa, a cominciare da una 'spending review' del Fondo unico della Presidenza del consiglio, un'accelerazione delle liberalizzazioni e un piano infrastrutture con una maggiore partecipazione dei capitali privati, si ragiona anche su interventi per ridurre la prima aliquota Irpef e il costo del lavoro che appesantisce le aziende facendo leva sull'Irap.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech