domenica 04 dicembre | 23:32
pubblicato il 08/apr/2013 19:23

Crisi: Mise, accordo per riconversione stabilimento Ex Miroglio

(ASCA) - Roma, 8 apr - ''Con questa firma, aggiungiamo un ulteriore tassello alla strategia che punta a dare un nuovo futuro all'industria pugliese e alle prospettive produttive e occupazionali di questa regione''. Cosi' il sottosegretario allo Sviluppo Economico, Claudio De Vincenti, ha commentato la firma odierna dell'accordo per la riconversione industriale dello stabilimento ex Miroglio di Ginosa, in provincia di Taranto.

L'impianto, chiuso da circa cinque anni e che dava lavoro a 191 addetti, ora potra' riprendere l'attivita'. La soluzione individuata prevede che non si producano piu' tessuti, ma tv e monitor lcd.

Alla sigla dell'intesa, nella sede del Dicastero di Via Veneto, hanno preso parte anche il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, i rappresentanti delle istituzioni locali (Provincia e sindaci dei Comuni interessati), Confindustria, organizzazioni sindacali e rappresentanti aziendali.

La societa' QBell che ha rilevato il sito (si colloca al quarto posto nelle vendite di TV in Italia) s'impegna ad assumere 105 lavoratori ex Miroglio e, a fronte di una crescita dei volumi produttivi, a riassorbire progressivamente gli altri. La QBell si impegna inoltre a verificare costantemente il proprio piano industriale in incontri programmati presso il Mise.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari