lunedì 05 dicembre | 01:27
pubblicato il 08/ago/2012 16:38

Crisi/ Mediobanca: Poco remunerativo fare industria in Italia

Rendimento capitale insufficiente, si 'distrugge' ricchezza

Crisi/ Mediobanca: Poco remunerativo fare industria in Italia

Milano, 8 ago. (askanews) - Fare impresa oggi in Italia non è più granchè remunerativo. E' quanto emerge dalla consueta analisi condotta dall'Ufficio Studi di Mediobanca su 2.032 società con sede ed attività in Italia. Nel 2011 il costo del debito per l'aggregato è salito dal 5,6% al 6%, mentre i tassi sui Btp decennali sono passati del 3,4% al 4,9%. Il Roi (redimento netto del capitale) delle industrie italiane, pari al 5,8%, non è bastato a remunerare il costo medio ponderato del debito (capitale proprio e di terzi), che ha raggiunto il 7,2%. La conseguente 'distruzione' di ricchezza è stata dunque pari a 1,4 punti. Principali responsabili sono stati i gruppi maggiori con un gap di 5,2 punti, risultato invece più contenuto per le imprese medie (1,2) e medio-grandi (1,4). Si sono salvate solo le imprese a controllo estero, grazie alla elevata redditività del capitale (Roi 2011 al 12,2% contro il 4,7% medio della manifattura). Nel 2011 anche il Roe è stato inferiore al rendimento netto netto degli impieghi finanziari in Btp, con un differenziale negativo di 1,5 punti. Hanno fatto eccezione il 'made in Italy' (+6 punti) e il 'quarto capitalismo' delle imprese medie e medio-grandi (+1,4 punti).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari