giovedì 08 dicembre | 17:05
pubblicato il 20/giu/2013 17:52

Crisi: Landini, previdenza integrativa per favorire subito investimenti

(ASCA) - Torino, 20 giu - I fondi della previdenza integrativa dei lavoratori per favorire politiche industriali e di investimento che creino occupazione. Maurizio Landini segretario generale Fiom rilancia in occasione dell'attivo Fiom di Torino l'idea che questi strumenti di welfare complementare possano offrire una sponda al rilancio del paese. ''Se mettiamo insieme i contributi che versano i lavoratori e quelli delle imprese - ha sottolineato Landini - in Italia ci sono oggi 100 miliardi investiti per la previdenza integrativa, di questi il 70% viene investito in titoli di stato esteri e in fondi azionari esteri.

Sono soldi dei lavoratori italiani - ha aggiunto Landini - anche quelli delle imprese, che senza i lavoratori non avrebbero un euro''. Secondo Landini ottenute le opportune garanzie dallo Stato sul rendimento per la pensione, ''visto che ci chiedono dove sono i soldi - ha osservato - non e' una follia aprire una discussione perche' una parte di questi fondi possano favorire politiche industriali e di investimento per creare occasioni di lavoro'' L'impegno da prendere ''e' adesso'' ha sottolineato Landini che a questo proposito ha anche criticato duramente la Fiat che ha promesso il rientro dei suoi lavoratori tra tre o quattro anni: ''O pensano, scusate la franchezza, che siamo tutti i coglioni - ha detto Landini - oppure se guardiamo i dati entro tre quattro anni in molti stabilimenti occorrerra' chiedere nuove deroghe per gli ammotizzatori sociali se non si vuole arrivare al licenziamento. E nel frattempo non si fanno gli investimenti che si fanno da altre parti mentre i dati evidenziano una progressiva perdita di quote di mercato in Europa e in Italia. Non siamo di fronte al fatto che Termini imerese chiude, che chiude Irisbus, ma al rischio molto concreto che anche altri stabilimenti non funzionino''.

Piu' in generale nel Paese secondo Landini ''in autunno c'e' il rischio concreto di licenziamenti di massa, non solo nelle grandi industrie, ma anche nelle piccole aziende''. Secondo il leader Fiom si corre il pericolo, ha aggiunto, che l'Italia diventi qualcosa di diverso da cio' che e' adesso, uno dei paesi maggiormente industrializzati, vale a dire ''una succursale di altri paesi con un peggioramento delle condizioni di lavoro''. ''E' il momento delle scelte - conclude Landini - altrimenti raccoglieremo le macerie''.

eg/uda/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Al via direttorio della Bce da cui è attesa proroga piano acquisti
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni