lunedì 23 gennaio | 20:51
pubblicato il 04/mag/2012 11:09

Crisi/ Italia,attività imprese servizi crolla a minimi 2008-2009

Indice Pmi a livelli 3 anni fa, tutta l'area euro è in recessione

Crisi/ Italia,attività imprese servizi crolla a minimi 2008-2009

Roma, 4 mag. (askanews) - Recessione peggiore del previsto anche sul settore dei servizi nell'area euro. I dati definitivi dell'indice dei responsabili degli approvvigionamenti hanno riservato nuovi sviluppi deludenti: oggi il quadro si è completato con le imprese del terziario, sulle quali il Purchasing managers index (Pmi) ha accusato una cospicua flessione ad aprile, a 46,9 punti dai 49,2 punti di marzo. Il dato, riferito dalla società di ricerche Markit Economics è nettamente peggiore dei 47,9 punti indicati nella stima preliminare, così come delle attese degli analisti che prevedevano una conferma. I 50 punti sono la soglia tra crescita e contrazione dell'attività, e l'indice Pmi composito tra industria e servizi di aprile ha segnato una contrazione a 46,7 punti, dai 49,1 di marzo. La tendenza all'indebolimento ha coinvolto quasi tutti i paesi dell'area valutaria, ma risulta particolarmente penalizzante nella periferia e in Italia e Spagna. Nella penisola in particolare, con una ulteriore caduta a 42,3 punti ad aprile, dai 44,3 punti di marzo, l'indice Pmi relativo al terziario è finito ai minimi da quasi tre anni, riporta Markit. L'indice composito sulla produzione di manifatturiero e servizi è calato a 42,7 punti, sui minimi da 27 mesi. I tagli occupazionali sono peggiorati, risalendo ai massimi dal luglio del 2009. I dati sull'Italia sono stati elaborati assieme all'Adaci, Associazione italiana di management degli approvvigionamenti, e l'economista di Markit Phil Smith parla di tassi di contrazione tornati ai valori registrati "nella fase più profonda delle recessione del 2008-2009", mentre tra le imprese "i livelli di fiducia sono crollati". Tornando al quadro generale dell'area euro si registrano i maggiori tagli occupazionali dal febbraio del 2010 e il capo economista di Markit, Chris Williamson, parla di una crescita "praticamente bloccata perfino in Germania". Si profila un prolungamento della recessione economica nell'area valutaria per il terzo trimestre consecutivo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4