sabato 21 gennaio | 10:04
pubblicato il 31/lug/2014 20:36

Crisi: Istat, ripresa piu' difficile del previsto.Segnali di stagnazione

(ASCA) - Roma, 31 lug 2014 - ''Il recupero della crescita economica si annuncia piu' difficile di quanto prospettato. I segnali provenienti dalle famiglie e dalle imprese sembrano delineare una fase di sostanziale stagnazione dell'attivita' economica anche se emergono alcuni segnali positivi sull'occupazione''. E' quanto si legge nella nota mensile dell'Istat sull'andamento dell'economia italiana. ''Tra le imprese, a luglio e' aumentata la fiducia nelle costruzioni e nei servizi mentre si e' mantenuta stabile nella manifattura. La fiducia delle famiglie e' risultata invece in diminuzione, influenzata dai giudizi sull'andamento attuale e futuro dell'economia italiana. La minor vivacita' della domanda estera potrebbe costituire un ulteriore elemento di freno per la ripresa'', sottolinea l'Istituto.

Negli ultimi mesi, scrive l'Istat, si sono intensificati i segnali di difficolta' nell'avvio della ripresa. Le famiglie, ''colpite dalla crisi e dalle implicazioni di necessari aggiustamenti del bilancio familiare, si mantengono ancora caute nelle decisioni tra consumo e risparmio. Il sistema delle imprese continua a risentire negativamente dalla debolezza delle condizioni interne di domanda e del non brillante andamento della domanda estera''.

Tenendo conto delle informazioni piu' recenti, nel secondo trimestre l'attivita' produttiva dell'industria (al netto delle costruzioni) risulterebbe, in base al modello di previsione mensile, moderatamente negativa. L'attuale fase di debolezza del ciclo produttivo dovrebbe proseguire nel terzo trimestre come indicato dall'indicatore composito anticipatore , costruito a partire da un insieme di variabili (qualitative, quantitative) selezionate in base alla capacita' di anticipare le fasi del ciclo economico (in media di circa 3-5 mesi). Tale indicatore, aggiornato a giugno, appare in lieve rallentamento.

Tuttavia la spesa in beni capitali potrebbe essere favorita nella seconda meta' dell'anno dal miglioramento delle condizioni di liquidita' delle imprese e dalle operazioni di rifinanziamento a tasso agevolato annunciate dal consiglio direttivo della BCE a giugno (Targeted Long-Term Refinancing Operations). Queste potrebbero favorire l'accesso a fonti di liquidita' a medio termine per famiglie e imprese a costi piu' contenuti.

cos/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Agroalimentare
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4