giovedì 08 dicembre | 07:46
pubblicato il 31/lug/2014 20:36

Crisi: Istat, ripresa piu' difficile del previsto.Segnali di stagnazione

(ASCA) - Roma, 31 lug 2014 - ''Il recupero della crescita economica si annuncia piu' difficile di quanto prospettato. I segnali provenienti dalle famiglie e dalle imprese sembrano delineare una fase di sostanziale stagnazione dell'attivita' economica anche se emergono alcuni segnali positivi sull'occupazione''. E' quanto si legge nella nota mensile dell'Istat sull'andamento dell'economia italiana. ''Tra le imprese, a luglio e' aumentata la fiducia nelle costruzioni e nei servizi mentre si e' mantenuta stabile nella manifattura. La fiducia delle famiglie e' risultata invece in diminuzione, influenzata dai giudizi sull'andamento attuale e futuro dell'economia italiana. La minor vivacita' della domanda estera potrebbe costituire un ulteriore elemento di freno per la ripresa'', sottolinea l'Istituto.

Negli ultimi mesi, scrive l'Istat, si sono intensificati i segnali di difficolta' nell'avvio della ripresa. Le famiglie, ''colpite dalla crisi e dalle implicazioni di necessari aggiustamenti del bilancio familiare, si mantengono ancora caute nelle decisioni tra consumo e risparmio. Il sistema delle imprese continua a risentire negativamente dalla debolezza delle condizioni interne di domanda e del non brillante andamento della domanda estera''.

Tenendo conto delle informazioni piu' recenti, nel secondo trimestre l'attivita' produttiva dell'industria (al netto delle costruzioni) risulterebbe, in base al modello di previsione mensile, moderatamente negativa. L'attuale fase di debolezza del ciclo produttivo dovrebbe proseguire nel terzo trimestre come indicato dall'indicatore composito anticipatore , costruito a partire da un insieme di variabili (qualitative, quantitative) selezionate in base alla capacita' di anticipare le fasi del ciclo economico (in media di circa 3-5 mesi). Tale indicatore, aggiornato a giugno, appare in lieve rallentamento.

Tuttavia la spesa in beni capitali potrebbe essere favorita nella seconda meta' dell'anno dal miglioramento delle condizioni di liquidita' delle imprese e dalle operazioni di rifinanziamento a tasso agevolato annunciate dal consiglio direttivo della BCE a giugno (Targeted Long-Term Refinancing Operations). Queste potrebbero favorire l'accesso a fonti di liquidita' a medio termine per famiglie e imprese a costi piu' contenuti.

cos/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni