giovedì 19 gennaio | 12:51
pubblicato il 11/set/2015 15:29

Crisi, investitori scommettono su default Brasile e Sud Africa

Wsj: ma non appare alle porte una crisi più ampia degli emergenti

Crisi, investitori scommettono su default Brasile e Sud Africa

Roma, 11 set. (askanews) - Gli investitori internazionali stanno scommettendo che il Brasile e il Sud Africa diventeranno insolventi sul loro debito mentre cresce l'attesa per le decisioni sui tassi d'interesse Usa da parte della Federal Reserve, che inevitabilmente impatterà sulle prospettive di molti Paesi emergenti.

La tensione sul mercato è palpabile e non è segnalata solo dal crescente costo dei credit default swaps (Cds), contratti di assicurazione stipulati allo scopo di proteggere gli investimenti dal default di Stati sovrani. In Brasile gli investitori hanno recentemente pagato 389.260 dollari all'anno per assicurare 10 milioni di debito per cinque anni - il premio più alto dalla crisi finanziaria - a fronte dei 140.000 dollari pagati un anno fa. Alle stelle anche i premi per assicurare il debito sudafricano: 270.780 dollari per 10 milioni di dollari di debito assicurato, a fronte di un premio che un anno fa era pari a 180.000 dollari.

Segnali di tensione anche dal fronte delle valute. Le cifre parlano da sole: la lira turca, il rand sudafricano e il ringgit malese quest'anno hanno già perso rispettivamente il 23%, il 15% e il 19% rispetto al dollaro Usa. Il real brasiliano ha perso il 31%, e giovedì, il giorno del declassamento del rating paese a 'spazzatura' da parte di Standard & Poor's, ha toccato il livello minimo da 13 anni.

La Turchia e il Brasile - scrive il Wall Street Journal - sono considerati particolarmente vulnerabili da molti investitori, a causa di squilibri economici che sono amplificati dai cali delle rispettive valute. Il debito estero della Turchia come percentuale del Pil è già tra i più alti di tutti i Paesi emergenti mentre il Brasile si trova anche alle prese con prezzi delle materie prime più bassi, con un indebolimento della domanda cinese per i propri beni e con i tentativi del governo carioca di tagliare la spesa senza far cadere le entrate.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio, Vega si prepara al primo lancio dell'anno con Sentinel-2B
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina