mercoledì 18 gennaio | 02:46
pubblicato il 06/ago/2011 19:40

Crisi/ Imprese a Governo:Subito tagli politica e liberalizzazioni

Mercoledì parti sociali convocate nuovamente dal Governo

Crisi/ Imprese a Governo:Subito tagli politica e liberalizzazioni

Milano, 6 ago. (askanews) - Mercoledì pomeriggio il governo incontrerà nuovamente le parti sociali per un confronto sulle nuove misure dell'esecutivo e, in vista della riunione, quella che arriva da imprese e sindacati (fatta eccezione per la Cgil) è un'approvazione a metà dell'accelerazione impressa da palazzo Chigi per far fronte alla difficile situazione economica e alla speculazione in atto nei confronti dell'Italia. Confindustria, Abi, Confcommercio e tutte le altre associazioni che, nell'ultimo incontro con l'esecutivo (insieme ai sindacati), avevano chiesto interventi immediati, condividono "l'impegno a sottoporre subito le misure al Parlamento àe àa costituzionalizzare l'obbligo del pareggio di bilancio", chiedono un confronto "sulle misure che verranno proposte in materia di fiscalità e assistenza per anticipare il pareggio di bilancio al 2013", ma ritengono che "non via sia alcun motivo di attendere di attendere una modifica dell'articolo 41 della Costituzione", ovvero premono perché si vada avanti nel processo di liberalizzazione. Criticano, invece, il mancato intervento sui costi della politica: "E' necessario anticipare i tagli ai costi della politica; sarà altrimenti molto difficile à chiedere sacrifici al Paese". Posizioni messe nero su bianco in un comunicato congiunto che questa volta, però, non è ad un'unica voce con i sindacati. Su molti temi, infatti, le posizioni dei lavoratori sono discordanti ed è difficile trovare una posizione univoca. Se Cisl e Uil sembrano essere sulla stessa linea delle imprese, con i segretari generali Bonanni e Angeletti che plaudono all'introduzione del pareggio di bilancio nella Costituzione, chiedono un confronto sull'anticipo al 2013 e criticano la mancanza dei tagli dei costi della politica, da parte sua la Cgil continua a considerare la politica dell'esecutivo "iniqua e ingiusta". Altro tema riguarda la riforma del mercato del lavoro con le imprese che chiedono che venga "riconosciuto il ruolo degli attori sociali". Appello a cui si uniscono anche i sindacati. Luigi Angeletti, Uil, chiede che "il governo non intervenga autonomamente", altrimenti, dice, "non saremmo d'accordo". Dello stesso avviso il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, secondo il quale la materia "deve essere oggetto del confronto fra le parti". E su questo aspetto rassicura il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi: "Ogni tema utile alla modernizzazione, sarà esaminato senza pregiudizi o preclusioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa