domenica 26 febbraio | 02:29
pubblicato il 19/apr/2012 07:50

Crisi/ Ignazio Visco: "Nel 2013 ripresa, quanto forte dipende"

Italia in crisi grave ma deve guardare avanti

Crisi/ Ignazio Visco: "Nel 2013 ripresa, quanto forte dipende"

Roma, 19 apr. (askanews) - Nel 2013 la ripresa ci sarà "ma non ho mai detto che sarà una forte ripresa": così il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco intervistato da Giovanni Minoli. L'intervista che andrà in onda questa sera su Rai Due nel programma "La Storia siamo noi" è anticipata oggi da Repubblica. "Credo che sarà una ripresa tanto più forte - dice Visco - quanto più si avranno risultati certi su fronti che condizionano la crescita... Dipende molto da come andranno i mercati internazionali". Visco però dice di prevedere "che l'anno prossimo sarà un anno di uscita soprattutto se sapremo convincere i mercati che la nostra situazione di politica economica e i nostri conti sono sostenibili". Comunque, chiosa Visco in finale d'intervista, "L'Italia non è un paese solo in recessione, ma un paese che ha un livello di reddito di 5 punti più basso del 2007 e un 20% in meno di produzione industriale. Quindi è un paese in crisi grave ma che deve guardare in avanti. Dobbiamo avere il coraggio di guardare al cambiamento come a qualcosa di positivo e non come qualcosa dal quale difenderci e scappare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech