martedì 06 dicembre | 15:26
pubblicato il 30/lug/2013 16:28

Crisi: Gutgeld, per crescere ridurre l'Irpef su fasce medio-basse

(ASCA) - Roma, 30 lug - ''Non e' il programma di Renzi, ma una piattaforma messa a disposizione del Paese, del partito democratico e aperta a tutti''. Yoram Gutgeld, deputato del PD, israeliano, studi in USA ed ex McKinsey, tiene a precisarlo al convegno dei ''renziani'' a Roma dal titolo ''Il rilancio parte da sinistra''. Ma la relazione base su cui intervenire e riflettere e' sua e al tavolo, oltre all'on. Dario Nardella, ex vice sindaco di Firenze, ci sono Alessandro Profumo (presidente del Monte dei Paschi di Siena) e Fabrizio Landi, Cassa di Risparmio di Firenze, mentre in platea si notano il ministro degli Affari Regionali Graziano Delrio, Paolo Gentiloni e il sottosegretario alla presidenza con delega per l'editoria, Giovanni Legnini.

Gutgeld, premesso che ''il problema dei problemi per l'Italia e' la qualita' della sua classe dirigente'', avanza una serie di idee: ''l'unico modo per riattivare i consumi nel brevissimo periodo e' ridurre l'Irpef in modo significativo alle fasce medio basse, in ragione di 100 euro al mese''. Per finanziare la misura, Gutgeld propone di privatizzare parte del patrimonio pubblico, ma non solo quello immobiliare, ma anche ''quote di Eni e Enel''.

Altra misura da attuare nell'immediato, per l'economista, ''un grande piano di inserimento di 500 mila giovani nel mondo del lavoro, finanziato con tagli alle 'pensioni d'oro', che sono, a sua valutazione, quelle oltre sette volte il trattamento minimo Inps''senza versamenti sottostanti''. E poi le riforme: quelle istituzionali, come la lotta ai privilegi della varie caste e quella tributaria, agendo su deduzioni e detrazioni, ma anche tagli alle tariffe di assicurazione e costi dell'energia.

All'attuale assetto Gurgeld oppone ''uno sviluppo con piu' equita', una crescita fondata su uno stato sociale, che se gestito bene puo' essere motore di sviluppo'', con un migliore rapporto tra tasse pagate dal cittadino e servizi in godimento, ''perche' oggi l'assistenza sociale va soprattutto ai piu' ricchi''.

L'economista di Renzi si e' soffermato a sfatare la validita' di tanti luoghi comuni oggi imperanti come l'uscire dall'euro: ''ci costerebbe subito 60-70 miliardi in maggiori interessi sul debito''; piu' investimenti pubblici? Dal 2000 al 2010 abbiamo investito per 10 miliardi piu' della Germania, ma spendendo male, ''peggio che per la spesa corrente''; le imprese chiudono per l'alto costo del lavoro? Vero solo in parte: i 10 punti che ci distanziano dalla Germania sono dovuti all'inflazione; l'evasione fiscale in alcuni casi e' ''motore di sviluppo''; il taglio alla spesa ''discrezionale'': e' possibile, perche', ad esempio, l'esercito in Italia costa il doppio con meta' potenza di fuoco rispetto a quello di Israele.

Un altro colpo ad un certo tipo di terziario e' venuto da Fabrizio Landi (Menarini Diagnostic): affidando a strutture ad hoc i 40 mila anziani lungodegenti, ''parcheggiati in ospedale'', che costano oggi mediamente 330 euro al giorno, la sanita' potrebbe risparmiare 150 euro al giorno a paziente, ''ma - osserva - salterebbero molti primari''.

red/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Fs
Fs: venerdì treni regolari, revocato sciopero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Cina: vino batte riso per prima volta nella storia
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni