mercoledì 22 febbraio | 17:00
pubblicato il 15/lug/2012 12:28

Crisi/ Grilli: "ridurremo il debito" con un piano di cessioni

Ministro a Corsera: vendite beni pubblici per 15-20 miliardi anno

Crisi/ Grilli: "ridurremo il debito" con un piano di cessioni

Roma, 15 lug. (askanews) - Il neoministro dell'Economia Vittorio Grilli, nella sua prima intervista, concessa al direttore del Corriere della Sera Ferruccio de Bortoli, indica una possibile terapia antidebito, con un programma pluriennale di cessioni del valore dell'1% annuo del Pil che consentirebbe, con un tasso di crescita all'1% di ridurlo di venti punti. Grilli critica Moody's, si mostra ottimista sul collocamento dei titoli pubblici italiani, confida di evitare anche nel 2013 l'aumento dell'Iva e pensa che sia possibile ridurre il carico fiscale sul lavoro con la lotta all'evasione, che per quest'0anno stima possa dare un gettito superiore ai 10 miliardi. Esiste un possibile percorso di rientro del debito? Io - risponde Grilli - non credo alle virtù di prestiti forzosi, la mia cultura liberale fa sì che certe soluzioni non mi convincano . E allora? Non potremo vivere all'infinito con un fardello così pesante sulla testa degli italiani? Per il ministro la strada praticabile è quella di garantire, con un programma pluriennale, vendite di beni pubblici per 15-20 miliardi l'anno, pari all'1 per cento del Pil . Un po' poco, ministro. No, tutt'altro, se lei pensa che già abbiamo un avanzo primario, cioè prima del pagamento degli interessi sul debito, del 5 per cento e calcoli una crescita nominale del 3 per cento, cioè tolta l'inflazione all'1, vorrebbe dire ridurlo del 20 per cento in 5 anni . All'indomani dell'ennesima bocciatura di Moody's, che ha ridotto di due gradini la valutazione del debito italiano (da A3 a Baa2), la delusione per il voto ritenuto ingiusto non scalfisce in Grilli la soddisfazione per l'andamento delle aste dei titoli pubblici con rendimenti in calo. Una grande differenza rispetto a poco meno di un anno fa . Io non mi farei, ministro, grandi illusioni, lo spread è sceso di poco dai massimi di novembre (575). Sì, ma la curva dei rendimenti dei nostri titoli - risponde il ministro dell'Economia - è completamente diversa. Prima, quelli a breve erano superiori a quelli a lungo termine, segno che per l'Italia l'accesso ai mercati si stava chiudendo. Oggi accade il contrario. I tassi a breve sono più bassi di quelli a lunga. Ancora troppo elevati, però .

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe