lunedì 20 febbraio | 16:42
pubblicato il 22/apr/2012 05:10

Crisi/ Grilli: Possibile "crescita moderata" terzo trimestre

Monito di Visco: le imprese aumentino la produttività

Crisi/ Grilli: Possibile "crescita moderata" terzo trimestre

Washington, 21 apr. (askanews) - Moderato ottimismo sulle prospettive economiche italiane giunge da Washington, dal governatore della Banca d'italia Ignazio Visco dal viceministro dell'Economia Vittorio Grilli nella capitale per il vertice del Fondo Monetario Internazionale. In Italia una ripresa "moderata" ci potrebbe essere già nel terzo trimestre, prima delle precedenti previsioni, afferma Grilli nel discorso depositato all'Imfc, il board economico e finanziario del Fondo Monetario Internazionale, durante i lavori a Washington. Inoltre per il viceministro "la fase acuta della crisi è passata": lo ha detto in conferenza stampa a conclusione dei lavori del G20. "Quando si parla di crescita bisogna capirsi. Si confonde l'andamento di medio-lungo periodo e l'andamento ciclico, ma quello non è un problema di come si stimola la crescita, ma come si argina un andamento recessivo nel breve periodo", ha detto Grilli. Sul medio-lungo termine bisogna parlare di politiche di riattivamento del potenziale di crescita: la conclusione unanime "è che la priorità è il riequilibrio dei conti pubblici, senza il quale non c'è terreno per politiche a sostegno della crescita", ha sottolineato il viceministro. Da parte sua il governatore di Bankitalia ha lanciato un monito alle aziende italiane: affinché aumentino la produttività e, quindi, la competitività. In Italia, "il problema non è l'assenza di credito", piuttosto quello della domanda. "E' indubbio che la competitività del sistema italiano è peggiorata, soprattutto a causa di una crescita bassa della produttività", ha detto il governatore di Bankitalia, parlando di una riduzione degli investimenti, anche a causa della crisi in corso. "Non abbiamo avuto un adeguamento del settore produttivo per recuperare il ritardo accumulato con l'esplosione delle nuove tecnologie, ma bisogna insistere e le condizioni per farlo ci saranno", ha detto ancora Visco, sottolineando che "imprese italiane che hanno fatto un salto in termini produttivi ci sono, ma sono ancora poche".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia