lunedì 05 dicembre | 15:38
pubblicato il 22/apr/2012 05:10

Crisi/ Grilli: Possibile "crescita moderata" terzo trimestre

Monito di Visco: le imprese aumentino la produttività

Crisi/ Grilli: Possibile "crescita moderata" terzo trimestre

Washington, 21 apr. (askanews) - Moderato ottimismo sulle prospettive economiche italiane giunge da Washington, dal governatore della Banca d'italia Ignazio Visco dal viceministro dell'Economia Vittorio Grilli nella capitale per il vertice del Fondo Monetario Internazionale. In Italia una ripresa "moderata" ci potrebbe essere già nel terzo trimestre, prima delle precedenti previsioni, afferma Grilli nel discorso depositato all'Imfc, il board economico e finanziario del Fondo Monetario Internazionale, durante i lavori a Washington. Inoltre per il viceministro "la fase acuta della crisi è passata": lo ha detto in conferenza stampa a conclusione dei lavori del G20. "Quando si parla di crescita bisogna capirsi. Si confonde l'andamento di medio-lungo periodo e l'andamento ciclico, ma quello non è un problema di come si stimola la crescita, ma come si argina un andamento recessivo nel breve periodo", ha detto Grilli. Sul medio-lungo termine bisogna parlare di politiche di riattivamento del potenziale di crescita: la conclusione unanime "è che la priorità è il riequilibrio dei conti pubblici, senza il quale non c'è terreno per politiche a sostegno della crescita", ha sottolineato il viceministro. Da parte sua il governatore di Bankitalia ha lanciato un monito alle aziende italiane: affinché aumentino la produttività e, quindi, la competitività. In Italia, "il problema non è l'assenza di credito", piuttosto quello della domanda. "E' indubbio che la competitività del sistema italiano è peggiorata, soprattutto a causa di una crescita bassa della produttività", ha detto il governatore di Bankitalia, parlando di una riduzione degli investimenti, anche a causa della crisi in corso. "Non abbiamo avuto un adeguamento del settore produttivo per recuperare il ritardo accumulato con l'esplosione delle nuove tecnologie, ma bisogna insistere e le condizioni per farlo ci saranno", ha detto ancora Visco, sottolineando che "imprese italiane che hanno fatto un salto in termini produttivi ci sono, ma sono ancora poche".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari