domenica 22 gennaio | 05:06
pubblicato il 22/apr/2012 05:10

Crisi/ Grilli: Possibile "crescita moderata" terzo trimestre

Monito di Visco: le imprese aumentino la produttività

Crisi/ Grilli: Possibile "crescita moderata" terzo trimestre

Washington, 21 apr. (askanews) - Moderato ottimismo sulle prospettive economiche italiane giunge da Washington, dal governatore della Banca d'italia Ignazio Visco dal viceministro dell'Economia Vittorio Grilli nella capitale per il vertice del Fondo Monetario Internazionale. In Italia una ripresa "moderata" ci potrebbe essere già nel terzo trimestre, prima delle precedenti previsioni, afferma Grilli nel discorso depositato all'Imfc, il board economico e finanziario del Fondo Monetario Internazionale, durante i lavori a Washington. Inoltre per il viceministro "la fase acuta della crisi è passata": lo ha detto in conferenza stampa a conclusione dei lavori del G20. "Quando si parla di crescita bisogna capirsi. Si confonde l'andamento di medio-lungo periodo e l'andamento ciclico, ma quello non è un problema di come si stimola la crescita, ma come si argina un andamento recessivo nel breve periodo", ha detto Grilli. Sul medio-lungo termine bisogna parlare di politiche di riattivamento del potenziale di crescita: la conclusione unanime "è che la priorità è il riequilibrio dei conti pubblici, senza il quale non c'è terreno per politiche a sostegno della crescita", ha sottolineato il viceministro. Da parte sua il governatore di Bankitalia ha lanciato un monito alle aziende italiane: affinché aumentino la produttività e, quindi, la competitività. In Italia, "il problema non è l'assenza di credito", piuttosto quello della domanda. "E' indubbio che la competitività del sistema italiano è peggiorata, soprattutto a causa di una crescita bassa della produttività", ha detto il governatore di Bankitalia, parlando di una riduzione degli investimenti, anche a causa della crisi in corso. "Non abbiamo avuto un adeguamento del settore produttivo per recuperare il ritardo accumulato con l'esplosione delle nuove tecnologie, ma bisogna insistere e le condizioni per farlo ci saranno", ha detto ancora Visco, sottolineando che "imprese italiane che hanno fatto un salto in termini produttivi ci sono, ma sono ancora poche".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4