lunedì 20 febbraio | 22:03
pubblicato il 01/nov/2011 11:38

Crisi/ Grecia scatena paura Ue, Milano cede oltre 5% allarme Btp

Record spread su Bund a 437 punti, euro a picco, Parigi -4%

Crisi/ Grecia scatena paura Ue, Milano cede oltre 5% allarme Btp

Roma, 1 nov. (askanews) - I mercati europei precipitano, mentre raggiungono valori sempre più allarmanti i rendimenti richiesti ai titoli di Stato dei paesi sotto tensione, tra cui l'Italia, dopo che la notizia bomba giunta ieri dalla Grecia - il premier George Papandreou ha ipotizzato un referendum che rimetterebbe in discussione il programma di risanamento e aiuti al paese - ha innescato una serie di reazioni a catena. Sono tornati a cadere a picco i titoli bancari, dato che gli istituti di credito sono altamente esposti all'obbligazionario governativo, le incertezze su questo segmento hanno scatenato ondate di vendite. A tarda mattina a Milano l'indice Ftse-Mib è arrivato perdere il 5,08 per cento, il calo più forte tra i grandi paesi europei. Il differenziale di rendimento che i Btp decennali dell'Italia accusano rispetto ai Bund ella Germania ha segnato un nuovo record, a 437 punti base secondo Bloomberg. Intanto Parigi crolla del 4,06 per cento, Francoforte del 3,99 per cento, Londra del 2,49 per cento. A picco anche l'euro, che finisce fin sotto quota 1,37 dollari, a 1,3691 dollari, laddove la scorsa settimana, sull'euforia per gli accordi su nuove misure anti crisi decise dai leader europei (che ora sembrano tutte tornare in discussione con i propositi referendari della Grecia) era salito fin sopra 1,42 dollari. Questi sviluppi hanno ulteriormente accentuato i timori già presenti sui titoli di Stato dei paesi della periferia dell'area euro. Tensioni che già dall'estate hanno preso di mira anche i bond di Italia e Spagna, e che si evidenziano in aumenti dei rendimenti, che in queste emissioni sono in un rapporto inversamente proporzionale con il prezzo. Sui Btp a dieci anni di scadenza oggi i tassi retributivi hanno raggiunto il 623 per cento, secondo Bloomberg, avvicinandosi ancora a quel 7 per cento che diversi osservatori considerano una sorta di soglia di non ritorno (oltre la quale, vincolati in una area valutaria, diventano insostenibili i costi di rifinanziamento del debito di un paese). In questo modo ha segnato un nuovo massimo storico il differenziale, o "spread", di rendimento dei Btp rispetto ai Bund della Germania, che all'opposto nella fasi di tensione vengono premiati da acquisti, in quanto ritenuti molto solidi, e così vedono scemare i rendimenti contribuendo all'ampliamento di questi scarti. Oggi lo spread Btp-Bund ha segnato un picco a quota 437 punti base: significa che in base alle dinamiche di domanda e offerta, i Btp già in circolazione devono offrite un rendimento di 4,37 punti percentuali in più rispetto agli equivalenti tedeschi, come maggiorazione sul premio di rischio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia