mercoledì 18 gennaio | 07:03
pubblicato il 14/mag/2013 08:50

Crisi: Eurogruppo, si' ad aiuti per Grecia, erogati primi 2mld a Cipro

Crisi: Eurogruppo, si' ad aiuti per Grecia, erogati primi 2mld a Cipro

(ASCA) - Bruxelles, 14 mag - Via libera dell'Eurogruppo alla tranche di aiuti da 7,5 miliardi per la Grecia. I ministri dell'Economia e delle Finanze della zona Euro hanno stabilito che ''ci sono gli elementi necessari'' per sborsare i soldi che servono al governo ellenico per far fronte alla crisi e sostenere il piano di riforme. Allo stato attuale, recita la nota diffusa a fine riunione, ci sono le condizioni perche' ''gli Stati membri finalizzino le procedure nazionali richieste per l'approvazione del prossimo intervento del fondo salva-stati Efsf''.

Come previsto, l'esborso avverra' in due momenti: una prima sotto-tranche da 4,2 miliardi sara' approvata dal consiglio dei governatori dell'Efsf ''nei prossimi giorni'', e una seconda sotto-tranche da 3,3 miliardi sara' erogata a giugno. L'erogazione di questa seconda sotto-tranche ''e' legata'' all'attuazione del protocollo d'intesa sottoscritto tra la Grecia e la Troika (Commissione europea-Banca centrale europea-Fondo monetario internazionale).

Intanto, nello stesso giorno in cui l'Eurogruppo concede gli aiuti alla Grecia, il consiglio dei governatori del fondo salva-stati Esm da' l'ok alla concessione di prestiti per 3 miliardi a Cipro, con l'erogazione della prima tranche da 2 miliardi avvenuta gia' nella giornata di ieri. Una decisione ''accolta con favore'' dall'Eurogruppo, il cui presidente, Jeroen Dijsselbloem, era stato duramente criticato per il piano di salvataggio. Non a caso lo stesso Dijsselbloem ha voluto ricordare come la decisione presa dall'Esm rientri ''nel contesto del programma concordato tra Cipro e i paesi dell'Eurozona il 25 marzo e nel contesto del protocollo d'intesa firmato tra Cipro e la Commissione europea alla fine di aprile''.

Dijsselbloem, nel sottolineare come gli aiuti concessi a Cipro siano ''una passo importante per la stabilizzazione dell'economia cipriota e per la difesa della stabilita' dell'area Euro'', ha chiesto alla autorita' cipriote di continuare a rispettare gli impegni presi. In particolare il governo di Nicosia e' stato esortato a definire ''aree mirate'' per l'attuazione di politiche bancarie poco rischiose, per avere ''adeguata supervisione'' degli istituti di credito, e azioni di contrasto al riciclaggio di denaro.

bne/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa