domenica 22 gennaio | 09:49
pubblicato il 25/gen/2013 11:06

Crisi: Draghi, risanamento conti pubblici e' inevitabile

Crisi: Draghi, risanamento conti pubblici e' inevitabile

(ASCA) - Roma, 25 gen - ''Il risanamento dei conti pubblici e' inevitabile''. E' quanto ha ribadito il presidente della Bce, Mario Draghi, parlando al World Economic Forum di Davos.

''Non mi piace la parola austerita' - ha premesso Draghi - ma deve esser chiaro che non ci possono essere crescita ed equita' senza intervenire per ridurre l'indebitamento''.

Draghi indica che e' inevitabile che il processo di consolidamento dei conti pubblici comparta una contrazione dell'attivita' nel breve termine. ''La domanda allora e' come conciliare il risanamento e gli effetti di contrazione sull'economia'' ha rilevato Draghi indicando in particolare tre modi. Innanzitutto realizzare riforme strutturali che aumentino la competitivita' e la capacita' di esportare.

Altro punto e' ''la composizione degli interventi di consolidamento'' e infine la capacita' di ''guadagnare la credibilita' cosi' dar scendere i tassi di interesse''.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4