domenica 04 dicembre | 21:26
pubblicato il 25/gen/2013 11:06

Crisi: Draghi, risanamento conti pubblici e' inevitabile

Crisi: Draghi, risanamento conti pubblici e' inevitabile

(ASCA) - Roma, 25 gen - ''Il risanamento dei conti pubblici e' inevitabile''. E' quanto ha ribadito il presidente della Bce, Mario Draghi, parlando al World Economic Forum di Davos.

''Non mi piace la parola austerita' - ha premesso Draghi - ma deve esser chiaro che non ci possono essere crescita ed equita' senza intervenire per ridurre l'indebitamento''.

Draghi indica che e' inevitabile che il processo di consolidamento dei conti pubblici comparta una contrazione dell'attivita' nel breve termine. ''La domanda allora e' come conciliare il risanamento e gli effetti di contrazione sull'economia'' ha rilevato Draghi indicando in particolare tre modi. Innanzitutto realizzare riforme strutturali che aumentino la competitivita' e la capacita' di esportare.

Altro punto e' ''la composizione degli interventi di consolidamento'' e infine la capacita' di ''guadagnare la credibilita' cosi' dar scendere i tassi di interesse''.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari