venerdì 20 gennaio | 13:10
pubblicato il 21/mag/2013 16:53

Crisi: domani vertice Ue per mercato energia e lotta a evasione fiscale

(ASCA) - Bruxelles, 21 mag - Procedere all'integrazione del mercato energetico europeo, e poi intervenire sui paradisi fiscali, eliminare la categoria di quanti non pagano le tasse e contrastare le frodi fiscali. L'Unione europea discute di questi due temi - energia e tassazione - in occasione del vertice dei capi di Stato e di governo dei paesi dell'Ue, convocato domani a Bruxelles. Un formato snello - appena un giorno di lavori, per quattro ore totali di riunione (dalle 13:00 alle 17:00, secondo programma) - che servira' per uno scambio di opinioni su come rispondere alle questioni sul tavolo. Non sono previste decisioni ma solo l'approvazione di alcune conclusioni. La bozza in circolazione a Bruxelles in queste ore focallizza l'attenzione sulla necessita' di sfruttare di piu' e meglio le risorse energetiche naturali ''indigene'', vale a dire europee. Si vuole ridurre la dipendenza dall'estero, che non pone l'Europa in condizione di competitivita'. La Commissione europea stima che il completamento del mercato dell'energia potrebbe portare guadagni all'Ue per 30 miliardi l'anno (8 miliardi di introiti solo per il mercato del gas, 22 miliardi dall'integrazione delle reti), ed esorta quindi a lavorare tenendo presente questi numeri.

Sul fronte fiscale l'Ue cerca politiche comuni per contrastare quelle pratiche evasive e fraudolente che costano circa all'Unione europea circa 1.000 miliardi di euro l'anno.

I leader europei intendono fare opera di moral suasion su Austria e Lussemburgo, gli unici due paesi a porre resistenze sulla condivisione delle informazioni sui conti bancari.

Attesa l'Italia, con il governo Letta alla prima partecipazione ad un vertice del Consiglio Ue. Enzo Moavero Milanesi, ministro per gli Affari europei, assicura: non ci sara' alcun problema. ''Enrico Letta ha gia' avuto viaggi nelle capitali euroee, e gia' conosce molto bene la realta' europea''. Il presidente del Consiglio dovrebbe arrivare intorno a mezzogiorno, circa un'ora prima dell'inizio dei lavori, per incontrare il premier britannico David Cameron, l'unico dei principali leader europei non incontrato da Letta nel corso delle sue visite nelle capitali d'Europa. Poi e' atteso a Lipsia, per i 150 anni del Partito socialdemocratico tedesco (Spd).

bne/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Our Place in Space, in mostra l'Universo nelle immagini di Hubble
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale