martedì 28 febbraio | 00:36
pubblicato il 15/dic/2011 09:33

Crisi/ Csc: Italia in recessione, Pil 2012 crolla dell'1,6%

Da noi è iniziata prima ed è più marcata. Ripresa nel 2013

Crisi/ Csc: Italia in recessione, Pil 2012 crolla dell'1,6%

Roma, 15 dic. (askanews) - L'Italia è in recessione. Il prodotto interno lordo del nostro Paese si attesterà quest'anno allo 0,5% per poi crollare dell'1,6% nel 2012. A fotografare la situazione dell'economia italiana è il Centro Studi di Confindustria che ha rivisto nettamente al ribasso le previsioni diffuse a settembre quando stimava una crescita del Pil dello 0,2% l'anno prossimo. Per la ripresa occorrerà aspettare il 2013 (Pil +0,6%). Il direttore del Csc, Luca Paolazzi, ha comunque sottolineato che quello elaborato è uno scenario ottimistico che "si basa sull'idea e la speranza che la crisi dell'area euro venga superata rapidamente, che ciò consenta di bloccare il credit crunch e che rientrino rapidamente le tensioni sui tassi d'interesse a lungo termine, con il rendimento dei Btp sotto il 5% entro la primavera".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech