domenica 22 gennaio | 17:23
pubblicato il 23/giu/2011 10:18

Crisi/ Csc: Da inizio recessione persi 582mila posti di lavoro

Ma minore domanda ne avrebbe cpinvolte 1,1 milioni

Crisi/ Csc: Da inizio recessione persi 582mila posti di lavoro

Roma, 23 giu. (askanews) - Dal primo trimestre 2008 ai primi tre mesi del 2011 la perdita dei posti di lavoro ha riguardato 582mila persone. A scattare la fotografia del mercato del lavoro italiano è il Centro Studi di Confindustria nelle previsioni economiche sottolineando che la diminuzione della domanda di lavoro, tra misure come cassa integrazione, diminuzione degli straordinari e ricorso al part time, ne avrebbe coinvolte 1,1 milioni. Alla fine del prossimo anno la domanda di posti di lavoro sarà ancora inferiore di 840mila unità rispetto all'avvio della caduta e i posti mancanti risulteranno pari a 453mila. Parte della differenza - ha spiegato il Csc - sarà costituita da 190mila unità assorbite dalla Cig, "da cui è più difficile tornare all'impiego se si è over 50 o residenti al Sud". Resterà, dunque, alta la disoccupazione. Il tasso di disoccupazione oscillerà attorno all'8,4% quest'anno e scenderà solo di qualche punto percentuale durante il 2012 (8,3% in media d'anno).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4