sabato 25 febbraio | 18:02
pubblicato il 21/lug/2011 09:55

Crisi/ Confindustria: Lunga fase crescita debole Pil, circa +1%

Il centro studi: occupazione langue, consumi piatti, export frena

Crisi/ Confindustria: Lunga fase crescita debole Pil, circa +1%

Roma, 21 lug. (askanews) - L'economia italiana va verso una nuova lunga fase di crescita debole, con il Pil che difficilmente supererà il +1% all'anno. Lo sostiene il centro studi di Confindustria (Csc) nella sua analisi mensile, secondo cui "per l'Italia gli indicatori puntano a una nuova e prolungata fase di variazioni del Pil che saranno molto difficilmente superiori all'1% annuo". "L'anticipatore Ocse - spiega il Csc nella 'Congiuntura flash' - continua a scendere; il Pmi è in zona recessione nel manifatturiero e nei servizi, con ordini in diminuzione; l'occupazione langue; i consumi sono piatti; il contesto per gli investimenti è deteriorato; l'export frena più dei mercati di sbocco".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Volkswagen
Volkswagen, torna in utile nel 2016 per 5,1 mld dopo dieselgate
Generali
Intesa Sanpaolo: non individuate opportunità su Generali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech