domenica 19 febbraio | 17:44
pubblicato il 23/mar/2011 15:46

Crisi/ Confindustria: Con choc petrolio Pil giù di 1% in biennio

Impatto maggiore 2012. Effetto attenuato se rientrano turbolenze

Crisi/ Confindustria: Con choc petrolio Pil giù di 1% in biennio

Roma, 23 mar. (askanews) - L'aumento dei prezzi dei prodotti petroliferi, causato dalle tensioni in Libia e nel mondo arabo, il possibile rialzo dei tassi da parte della Bce e il cambio dell'euro possono modificare in peggio il profilo della ripresa economica. Lo ha sottolineato il centro studi di Confindustria (Csc) nella consueta congiuntura flash, spiegando che con lo choc petrolifero "il profilo della ripresa viene modificato e, a parità di condizioni, il Pil italiano potrebbe risentirne per un totale di quasi un punto percentuale nel biennio 2011-2012". L'impatto maggiore, hanno previsto gli analisti dell'associazione di viale dell'Astronomia, sarà "l'anno prossimo". Secondo Confindustria "l'effetto sarebbe molto attenuato qualora rientrassero rapidamente le turbolenze politiche nei paesi esportatori di beni energetici e la Bce non varasse rincari seriali del denaro, calmierando anche il cambio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia