venerdì 20 gennaio | 15:12
pubblicato il 18/nov/2011 09:18

Crisi/ Confesercenti: Paese spaventato, 71% pessimista su futuro

Italiani preoccupati soprattutto per il posto di lavoro

Crisi/ Confesercenti: Paese spaventato, 71%  pessimista su futuro

Roma, 18 nov. (askanews) - Un paese che vive con grande preoccupazione le difficoltà economiche attuali e che guarda con pessimismo al futuro. E' questa l'Italia che il Governo Monti ha appena ereditato. E' quanto rivelano i dati dell'ottava indagine sulla crisi realizzata dall'osservatorio Confesercenti-Ispo. Da giugno a oggi balza dal 57% al 71% la quota di italiani assolutamente convinta che il peggio non sia passato; mentre sale dal 27% al 42% la percentuale di persone preoccupata per il futuro del suo stesso posto di lavoro. La paura colpisce giovani e adulti: il 95% degli studenti teme per il futuro del mercato del lavoro e nella fascia d'età tra i 55 e i 64 anni si diffonde il timore per la situazione economica familiare, probabilmente legata alla messa in discussione del sistema previdenziale. Balza in alto la preoccupazione legata alla crisi: la stragrande maggioranza degli intervistati (96%) non pensa che la crisi stia finendo. Tra questi, da segnalare l'aumento degli spaventati: la percentuale di persone che non sono assolutamente d'accordo con l'idea che il peggio sia alle nostre spalle sale dal 57% di giugno al 71% di oggi. A temere di più il protrarsi della crisi sono i giovani: soprattutto quelli di età compresa tra i 18 e i 24 anni (88%) e chi nella propria famiglia ha vissuto la perdita del lavoro o situazioni di cassa integrazione (84%). Tra i pessimisti anche chi ha un titolo di studio elevato (75%) e i giovani adulti tra i 35 e i 44 anni (75%). Al sud la percentuale maggiore di pessimisti (77%), mentre sono solo il 65% nel Nord-Ovest, il 68% nel Nord-Est e il 69% al Centro. Nel computo per categorie politiche, si dicono meno d'accordo con l'idea che il peggio sia passato soprattutto gli apolitici (79%), seguiti da chi si ascrive all'area di sinistra-centrosinistra (75%). Più rilassati gli italiani di destra-centrodestra (55%) e Centro(52%). Letteralmente quattro gatti gli ottimisti: solo il 4% degli intervistati, infatti, ritiene di aver ormai superato il momento più acuto di criticità.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"