martedì 06 dicembre | 23:00
pubblicato il 11/lug/2011 13:58

Crisi/ Confesercenti-Ispo: 9 italiani su 10 prevedono tempi duri

Con o senza manovra economica percezione della crisi non cambia

Crisi/ Confesercenti-Ispo: 9 italiani su 10 prevedono tempi duri

Roma, 11 lug. (askanews) - Con o senza la manovra la percezione della crisi da parte degli italiani secondo l'ultima rilevazione Confesercenti-Ispo cambia poco. Se nell'ottobre 2009 - data di inizio del sondaggio periodico - per l'87% il peggio non era passato, attualmente quella percentuale resta immutata. Probabilmente, anche a causa degli eventi internazionali, il livello di preoccupazione per la situazione economica italiana resta molto elevato: passa dal 91% di ottobre 2009 al 97% di oggi. Percentuale che si ripete rispetto ai timori per il mercato del lavoro (97%). E cresce anche la consapevolezza che la crisi ha avuto ripercussioni dure soprattutto sulle Pmi (dall'81% del 2009 all'85% di oggi) segnale indiscutibile del valore che gli italiani attribuiscono al ruolo delle Pmi e che dovrebbe, di conseguenza, far riflettere Governo e Parlamento sulla necessità di dare risposte in positivo a questo fondamentale tessuto economico. Sulle prospettive il 32% del campione intravede per l'anno prossimo una ripresa, mentre il 24% opta per un peggioramento. Gran parte del rimanente campione invece non si illude: in bene o in male non cambierà nulla. Fra i "fiduciosi" spiccano imprenditori, lavoratori autonomi e studenti. Per aree geografiche i più speranzosi in una ripresa sono gli abitanti del centro Italia, poi viene il Nord Ovest, il Nord est, chiude il Sud.Il dato che più si differenzia da questo trend non certo incoraggiante riguarda però le famiglie e quanto ruota intorno a loro: cala di 5 punti percentuali rispetto al marzo scorso (dal 14 al 9%) la quota di nuclei familiari nei quali qualche componente ha perso il lavoro. Anche la cassa integrazione è in diminuzione con un calo di tre punti (dal 10% di marzo 2011 al 7% attuale). Di conseguenza diminuisce, rispetto a marzo 2011 di ben 7 punti, il numero di famiglie che dichiara di esser stata coinvolta dalla crisi dal punto di vista lavorativo. La diminuzione si avverte in tutte le aree geografiche: con maggiore intensità nel nord ovest, con minore evidenza al Sud. Resta però forte la apprensione per il proprio posto di lavoro che riguarda il 70% degli intervistati dal sondaggio. Quasi un italiano su tre, anzi, risulta essere "molto preoccupato". Lo sono più le donne degli uomini, più i lavoratori dipendenti con basse qualifiche che gli imprenditori, più coloro che hanno bassi titoli di studio rispetto a diplomati e laureati.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Lego
Lego, la dinastia Kirk Kristiansen blinda il futuro dei mattoncini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni