lunedì 27 febbraio | 00:38
pubblicato il 05/lug/2013 12:55

Crisi: Confesercenti, dato spesa famiglie drammatico ma nel 2013 crollo

(ASCA) - Roma, 5 lug - ''I dati dell'Istat sulla spesa delle famiglie confermano i ripetuti allarmi di Confesercenti sul crollo dei consumi. E purtroppo non e' finita: se non ci sara' una svolta di politica economica, alla fine del 2013 avremo perso altri 17 miliardi sul 2012, portando ad oltre 60 miliardi la diminuzione rispetto al 2007, anno precedente alla crisi''. Lo afferma la Confesercenti a commento del dato sulla spesa media delle famiglie nel 2012, diffuso dall'Istat.

''Bisogna uscire da questo tunnel degli orrori - prosegue Confesercenti -. Serve allora una svolta con misure urgenti per la crescita. Occorre recuperare risorse per ritornare a crescere, e queste risorse possono venire solo da un taglio della spesa pubblica. Ieri avevamo commentato con soddisfazione l'intento del Governo di procedere, con un disegno di legge costituzionale, nell'abolizione delle province. Gia' oggi spuntano polemiche e resistenze. Questo e' quello che non si deve fare. C'e' bisogno invece che Governo e Parlamento non si facciano condizionare e agiscano su quella strada con coraggio e determinazione''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech