mercoledì 18 gennaio | 22:12
pubblicato il 10/giu/2013 16:10

Crisi: Confcommercio, ripresa slitta alla primavera del 2014

Crisi: Confcommercio, ripresa slitta alla primavera del 2014

(ASCA) - Roma, 10 giu - ''Produzione industriale in perdita, rispetto al 2010, di quasi il 10% e revisione al ribasso del Pil del primo trimestre dell'anno in corso confermano come l'Italia sia ancora in piena crisi allontanando qualsiasi ipotesi di ripresa a breve. Infatti, anche in considerazione della profonda flessione delle componenti della domanda interna (consumi -3,5% e investimenti -7,5% in termini tendenziali), e' praticamente impossibile immaginare una crescita prima della meta' del 2014''. Questo il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio ai dati su produzione industriale e Pil diffusi oggi dall'Istat.

''Bisogna, peraltro, riconoscere - aggiunge Confcommercio - che la crisi italiana ha intensita' e durata tali da non potere essere assimilata alla recessione che colpisce le altre economie avanzate. La riduzione del Pil nella prima parte del 2013 rispetto al primo trimestre dello scorso anno e' limitata allo 0,3% in Germania e allo 0,4% in Francia mentre il Pil Italiano cala del 2,4%. Inoltre, stando agli ultimi dati dell'Istat, alla caduta del mercato interno si cominciano ad associare anche difficolta' sul versante delle esportazioni. Dopo 14 trimestri di sviluppo, le esportazioni italiane hanno, infatti, registrato, una pesante battuta d'arresto, con una contrazione dell'1,9% in termini congiunturali''.

Per la confederazione ''sono sempre piu' urgenti, dunque, provvedimenti di stimolo all'economia che riducano la spesa pubblica improduttiva, i carichi burocratici sulle imprese, le complicazioni che rendono piu' difficoltoso l'incontro tra domanda e offerta nel mercato del lavoro. Cosi' come - conclude Confcommercio - e' altrettanto necessario e urgente destinare parte delle risorse derivanti dalla lotta all'evasione (12,5 miliardi di euro nel 2012) per ridurre le aliquote legali, scongiurando definitivamente ogni nuovo incremento di pressione fiscale a partire dal previsto aumento dell'Iva nel prossimo mese di luglio''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina