giovedì 08 dicembre | 00:11
pubblicato il 05/dic/2013 09:28

Crisi: Confcommercio, indicatore consumi -2,1% ad ottobre

(ASCA) - Roma, 5 dic - Nessun segnale di miglioramento sul fronte dei consumi in un quadro che vede i primi segnali di ripresa ancora lontani dal produrre effetti positivi per le famiglie che beneficiano solo di un'inflazione ai minimi da quattro anni. E' quanto emerge dall'analidi dell'indicatore dei Consumi Confcommercio che registra, ad ottobre, una diminuzione del 2,1% in termini tendenziali ed un aumento dello 0,1% rispetto a settembre. ''La media mobile a tre mesi, corretta dai fattori stagionali, conferma la tendenza alla stabilizzazione in atto dalla primavera - rileva il centro studi - ma i modesti segnali di attenuazione della fase recessiva e di un possibile riavvio dell'attivita' economica nella parte finale del 2013 non si sono ancora trasferiti alle famiglie.

Infatti, la debolezza del mercato del lavoro e la presenza di una pressione fiscale che continua a rimanere su livelli record non permettono un recupero del reddito disponibile''.

In termini prospettici, prosegue Confcommercio, ''le incertezze che si rilevano sul versante fiscale, derivanti dalle difficolta' di reperire risorse per il risanamento dei conti pubblici, rischiano di prolungare la crisi del consumo fino alla prima meta' del 2014. L'unico elemento positivo per le famiglie e' rappresentato dal ridimensionamento dell'inflazione, ai minimi degli ultimi quattro anni''.

La dinamica tendenziale dell'ICC di ottobre riflette una diminuzione dell'1,1% della domanda relativa ai servizi e del 2,6% della spesa per i beni. Ad ottobre 2013 valori debolmente positivi, rispetto all'analogo mese dello scorso anno, si rilevano solo per i beni e servizi per le comunicazioni (+0,9%) e per i beni e servizi ricreativi (+0,5%). A livello di singole macro-funzioni di spesa, in un quadro che evidenzia per la maggior parte degli aggregati un peggioramento rispetto a settembre, le riduzioni piu' significative si sono registrate per i beni e servizi per la mobilita' (-5,2%). Per questa funzione di consumo le attese di una stabilizzazione della domanda, emerse a settembre, sono state disattese nell'ultimo mese che ha evidenziato un aggravarsi della crisi per i segmenti delle auto e delle moto.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni