sabato 03 dicembre | 20:59
pubblicato il 08/apr/2014 09:26

Crisi: Confcommercio, disoccupazione estesa sale al 17% a febbraio

(ASCA) - Roma, 8 apr 2014 - Il tasso di disoccupazione ''esteso'', ovvero quello che include anche le persone in Cig e gli scoraggiati, e' salito al 17% a febbraio. E' quanto emerge dalle elaborazioni della Confcommercio per il calcolo dell'indice di disagio sociale MIC che nello stesso mese ha registrato una flessione di 0,4 punti a quota 21,9 restando comunque vicino al livello record di gennaio 2014 di 22,3 punti (11 punti il livello pre-crisi del 2007).

La flessione dell'indice di disagio, spiega Confcommercio, ''e' imputabile alla diminuzione di 0,6 punti dell'inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza di acquisto, mentre la disoccupazione estesa e' aumentata dello 0,1% al 17,0%''.

Infatti a febbraio il tasso di disoccupazione ufficiale e' aumentato di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente attestandosi al 13,0%, in aumento di 1,2 punti su base annua. I disoccupati sono 3 milioni 307mila, cifra in aumento di 8mila unita' sul mese precedente e di 272mila rispetto allo stesso periodo del 2012. Il numero di occupati e' diminuito di 39mila unita' rispetto a gennaio e di 365mila unita' rispetto ai 12 mesi precedenti. Secondo la Confederazione, ''il quadro occupazionale del Paese e', dunque, sempre piu' critico.

Nel mese di febbraio sono state autorizzate 83 milioni di ore di CIG, in aumento rispetto agli 81 milioni di gennaio e ai 79 milioni dello stesso periodo del 2013. Le ore di CIG utilizzate - destagionalizzate e ricondotte poi a ULA - sono stimate in diminuzione di circa 9.000 unita', il che porta il numero di persone in CIG dalle 327mila stimate per gennaio alle 318mila stimate per febbraio. Il numero di scoraggiati e' stimato in aumento da 837mila persone di gennaio a 847mila (+10.000).

Aggiungendo ai disoccupati ufficiali la stima delle persone in CIG e degli scoraggiati si ottiene per febbraio un tasso di disoccupazione esteso del 17,0%, in aumento dello 0,1% rispetto al valore di gennaio''.

L'inflazione dei beni e dei servizi ad alta frequenza di acquisto e' calata dall'1,2% allo 0,6%. L'aumento di 0,1% del tasso di disoccupazione estesa e' piu' che compensato dal calo dello 0,6% dell'inflazione, il che porta il MIC a diminuire di 0,4 punti a 21,9. Nel medio periodo il MIC e' passato dagli 11 punti di inizio 2007 al record storico di 22,3 punti di gennaio 2014, disegnando un percorso di rapida crescita del disagio sociale che nel corso del 2013-2014 si e' temporaneamente attenuata solo grazie al crollo dell'inflazione, mentre la disoccupazione estesa appare in costante aumento. com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari