venerdì 24 febbraio | 23:44
pubblicato il 03/apr/2014 10:01

Crisi: Confcommercio, consumi 'congelati' a febbraio in attesa ripresa

Crisi: Confcommercio, consumi 'congelati' a febbraio in attesa ripresa

(ASCA) - Roma, 3 apr 2014 - Consumi ''congelati'' a febbraio, in attesa della ripresa dell'economia. E' quanto emerge dall'indicatore dei Consumi Confcommercio, che registra una diminuzione dello 0,7% in termini tendenziali ed una variazione nulla rispetto a gennaio, confermando l'avvio, in atto gia' da alcuni mesi, si legge in una nota, di una fase di stabilizzazione che, pero', in assenza di miglioramenti sul versante occupazionale e del reddito disponibile, non riesce ancora a tradursi in una ripresa in grado di far ripartire il ciclo economico.

E' proseguito invece il lento miglioramento della fiducia delle imprese, sia pure con andamenti non univoci nel sentiment degli operatori dei diversi settori produttivi.

Stando alle stime di Confindustria, a marzo, dopo il contenuto arretramento rilevato a febbraio, la produzione industriale segnala un aumento dello 0,5% sul mese precedente. Anche i dati sugli ordini registrano, nello stesso mese, un miglioramento (+0,5% su febbraio). A marzo il clima di fiducia delle famiglie ha mostrato un deciso recupero. Mentre la percezione della situazione personale e corrente non migliora sensibilmente, le aspettative sul futuro appaiono in forte crescita: la contenuta evoluzione dei prezzi e le aspettative di riduzione del carico fiscale hanno senz'altro avuto un ruolo importante.

La debolezza e le incertezze rilevate sul versante produttivo continuano a determinare un'evoluzione negativa del mercato del lavoro. A febbraio, spiega Confcommerio, il numero di occupati e' sceso di 39mila unita' (-365mila rispetto allo stesso mese del 2013). Nello stesso mese, i disoccupati, che superano i 3,3 milioni, sono aumentati, rispetto a gennaio, di 8mila unita' (+272mila in un anno). Da febbraio 2007 il rapporto tra disoccupati e forze di lavoro e' passato dal 5,9% al 13,0%, con un milione e 850mila disoccupati in piu'. A febbraio, dopo alcuni mesi di ridimensionamento delle ore autorizzate di Cig, si e' registrato, rispetto all'analogo mese del 2013, un incremento del 5,3%, sintesi di una diminuzione del 27,4% di ore richieste per l'ordinaria e di un deciso aumento di quelle per la straordinaria (+16,2%) e in deroga (+55,6%).

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech