martedì 17 gennaio | 18:19
pubblicato il 03/apr/2014 10:01

Crisi: Confcommercio, consumi 'congelati' a febbraio in attesa ripresa

Crisi: Confcommercio, consumi 'congelati' a febbraio in attesa ripresa

(ASCA) - Roma, 3 apr 2014 - Consumi ''congelati'' a febbraio, in attesa della ripresa dell'economia. E' quanto emerge dall'indicatore dei Consumi Confcommercio, che registra una diminuzione dello 0,7% in termini tendenziali ed una variazione nulla rispetto a gennaio, confermando l'avvio, in atto gia' da alcuni mesi, si legge in una nota, di una fase di stabilizzazione che, pero', in assenza di miglioramenti sul versante occupazionale e del reddito disponibile, non riesce ancora a tradursi in una ripresa in grado di far ripartire il ciclo economico.

E' proseguito invece il lento miglioramento della fiducia delle imprese, sia pure con andamenti non univoci nel sentiment degli operatori dei diversi settori produttivi.

Stando alle stime di Confindustria, a marzo, dopo il contenuto arretramento rilevato a febbraio, la produzione industriale segnala un aumento dello 0,5% sul mese precedente. Anche i dati sugli ordini registrano, nello stesso mese, un miglioramento (+0,5% su febbraio). A marzo il clima di fiducia delle famiglie ha mostrato un deciso recupero. Mentre la percezione della situazione personale e corrente non migliora sensibilmente, le aspettative sul futuro appaiono in forte crescita: la contenuta evoluzione dei prezzi e le aspettative di riduzione del carico fiscale hanno senz'altro avuto un ruolo importante.

La debolezza e le incertezze rilevate sul versante produttivo continuano a determinare un'evoluzione negativa del mercato del lavoro. A febbraio, spiega Confcommerio, il numero di occupati e' sceso di 39mila unita' (-365mila rispetto allo stesso mese del 2013). Nello stesso mese, i disoccupati, che superano i 3,3 milioni, sono aumentati, rispetto a gennaio, di 8mila unita' (+272mila in un anno). Da febbraio 2007 il rapporto tra disoccupati e forze di lavoro e' passato dal 5,9% al 13,0%, con un milione e 850mila disoccupati in piu'. A febbraio, dopo alcuni mesi di ridimensionamento delle ore autorizzate di Cig, si e' registrato, rispetto all'analogo mese del 2013, un incremento del 5,3%, sintesi di una diminuzione del 27,4% di ore richieste per l'ordinaria e di un deciso aumento di quelle per la straordinaria (+16,2%) e in deroga (+55,6%).

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa