martedì 06 dicembre | 02:14
pubblicato il 07/feb/2014 12:10

Crisi: Confcommercio, a dicembre sale indice disagio sociale

Crisi: Confcommercio, a dicembre sale indice disagio sociale

(ASCA) - Roma, 7 feb 2014 - L'indice sul disagio sociale elaborato da Confcommercio (MIC) a dicembre si attesta su un valore stimato di 21,6 punti, in aumento di 0,2 punti rispetto al mese di novembre. Cio' e' imputabile all'aumento di 0,4 punti dell' l'inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza di acquisto, solo parzialmente compensata dalla diminuzione dello 0,1% della disoccupazione estesa.

In dicembre il tasso di disoccupazione ufficiale e' diminuito di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente attestandosi al 12,7%, in aumento pero' di 1,2 punti su base annua. I disoccupati sono 3 milioni 229mila, cifra in diminuzione di 32mila unita' sul mese precedente ma in aumento di 393mila rispetto allo stesso periodo del 2012. Il numero di occupati e' diminuito di 25mila unita' rispetto a novembre e di 424mila rispetto ai 12 mesi precedenti. La disoccupazione non e', dunque, diminuita per effetto di un incremento dell'occupazione, bensi' per effetto della diminuzione delle forze di lavoro (-56mila unita'). Il quadro occupazionale del paese rimane nel complesso molto critico.

Nel mese di dicembre sono state autorizzate 86 milioni di ore di CIG, in diminuzione rispetto ai 110 di novembre e pressoche' uguale allo stesso periodo del 2012. Le ore di CIG utilizzate - destagionalizzate e ricondotte poi a ULA - sono stimate in aumento di circa 4.000 unita', il che porta il numero di persone in CIG dalle 290mila stimate per novembre alle 294mila stimate per dicembre.

Il numero di scoraggiati e' stimato in lieve aumento da 784mila persone di novembre a 791mila (+7.000).

Aggiungendo ai disoccupati ufficiali la stima delle persone in CIG e degli scoraggiati si ottiene per dicembre un tasso di disoccupazione esteso del 16,4%, in diminuzione di 0,1 punti rispetto a novembre. L'inflazione dei beni e dei servizi ad alta frequenza di acquisto e' aumentata di 0,4 punti e si attesta all'1,2%. Si e' arrestata, dunque, la discesa iniziata nel settembre 2012 quando l'incremento dei prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza di acquisto aveva raggiunto il picco del 4,7%. L'aumento di 0,4 punti dell'inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza d'acquisto e la diminuzione di 0,1 punti della disoccupazione estesa porta il MIC ad aumentare di 0,2 punti a 21,6. Nel medio periodo il MIC e' passato dagli 11 punti di inizio 2007 agli oltre 21 del 2013, disegnando un percorso di rapida crescita del disagio sociale, che nel corso del 2013 si e' temporaneamente stabilizzato solo grazie al crollo dell'inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza d'acquisto, mentre la disoccupazione estesa appare in aumento. Ora, pero', che l'inflazione ha ripreso a crescere il MIC ha toccato il valore piu' alto di sempre (21,6), anche in presenza di una lieve diminuzione della disoccupazione estesa.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari