sabato 10 dicembre | 02:20
pubblicato il 06/lug/2013 16:01

Crisi: Coldiretti, spesa abbigliamento scarpe al minimo da 15 anni (RPT)

RIPETIZIONE CORRETTA - (ASCA) - Roma, 6 lug - La spesa per abbigliamento e calzature e' scesa al minimo da oltre 15 anni per un valore di appena 121 euro al mese per famiglia che rappresenta il 6,2 per cento del totale non alimentare speso nel 2012. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat in occasione dell'avvio in tutta Italia della stagione dei saldi. Gli acquisti di vestiti e di calzature sono scesi del 10 per cento in un anno e sono tra quelli che hanno subito i maggiori tagli per effetto della crisi che - sottolinea la Coldiretti - e' arrivata addirittura a colpire le spese per l'alimentazione che sono scese a 468 euro per famiglia con una riduzione del 2 per cento. Tra le spese non alimentari - continua la Coldiretti - non cala la quota destinata all'abitazione mentre addirittura aumentano quelle per l'energia ed i trasporti.

Nell'alimentare se da un lato rimane abbastanza stabile la distribuzione del budget tra le diverse categorie di prodotto come pasta, carne, ortofrutta e latte, dall'altro aumenta notevolmente la percentuale di coloro che non risparmia solo su quantita' ma anche sulla qualita' che passa dal 53,6 al 62,3 per cento. A differenza di quanto e' accaduto per tutti gli altri settori - sottolinea ancora l'associazione -, dall'abbigliamento alle automobili, in cui gli italiani hanno rinunciato agli acquisti, per l'alimentare, che va in tavola tutti i giorni, questo non e' possibile, almeno oltre un certo limite, ma si sta verificando un sensibile spostamento verso i prodotti a basso costo. Il risultato e' che in Italia il cibo low cost e' l'unico settore a registrare un aumento delle vendite per effetto della crisi ma anche - precisa ancora la Coldiretti - nel primo trimestre del 2013 sono aumentati del 26 per cento gli allarmi alimentari, rispetto allo stesso periodo di cinque anni fa, prima dell'inizio della crisi.

Dietro questi prodotti - conclude la Coldiretti - spesso si nascondono infatti ricette modificate, l'uso di ingredienti di minore qualita' o metodi di produzione alternativi che bisogna verificare con attenzione perche' sul cibo oltre un certo limite non e' possibile risparmiare senza mettere a rischio la salute.

rba/uda

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina