giovedì 19 gennaio | 08:33
pubblicato il 06/lug/2013 15:37

Crisi: Coldiretti, spesa abbigliamento e scarpe al minimo da 40 anni

(ASCA) - Roma, 6 lug - La spesa per abbigliamento e calzature e' scesa al minimo da oltre 15 anni per un valore di appena 121 euro al mese per famiglia che rappresenta il 6,2 per cento del totale non alimentare speso nel 2012. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat in occasione dell'avvio in tutta Italia della stagione dei saldi. Gli acquisti di vestiti e di calzature sono scesi del 10 per cento in un anno e sono tra quelli che hanno subito i maggiori tagli per effetto della crisi che - sottolinea la Coldiretti - e' arrivata addirittura a colpire le spese per l'alimentazione che sono scese a 468 euro per famiglia con una riduzione del 2 per cento. Tra le spese non alimentari - continua la Coldiretti - non cala la quota destinata all'abitazione mentre addirittura aumentano quelle per l'energia ed i trasporti.

Nell'alimentare se da un lato rimane abbastanza stabile la distribuzione del budget tra le diverse categorie di prodotto come pasta, carne, ortofrutta e latte, dall'altro aumenta notevolmente la percentuale di coloro che non risparmia solo su quantita' ma anche sulla qualita' che passa dal 53,6 al 62,3 per cento. A differenza di quanto e' accaduto per tutti gli altri settori - sottolinea ancora l'associazione -, dall'abbigliamento alle automobili, in cui gli italiani hanno rinunciato agli acquisti, per l'alimentare, che va in tavola tutti i giorni, questo non e' possibile, almeno oltre un certo limite, ma si sta verificando un sensibile spostamento verso i prodotti a basso costo. Il risultato e' che in Italia il cibo low cost e' l'unico settore a registrare un aumento delle vendite per effetto della crisi ma anche - precisa ancora la Coldiretti - nel primo trimestre del 2013 sono aumentati del 26 per cento gli allarmi alimentari, rispetto allo stesso periodo di cinque anni fa, prima dell'inizio della crisi.

Dietro questi prodotti - conclude la Coldiretti - spesso si nascondono infatti ricette modificate, l'uso di ingredienti di minore qualita' o metodi di produzione alternativi che bisogna verificare con attenzione perche' sul cibo oltre un certo limite non e' possibile risparmiare senza mettere a rischio la salute.

rba/uda

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina