venerdì 24 febbraio | 19:24
pubblicato il 06/giu/2014 16:48

Crisi: Coldiretti, per i single costo vita +66% rispetto alla media

(ASCA) - Roma, 6 giu 2014 - I 7,1 milioni di single italiani per vivere da soli devono affrontare un costo della vita superiore del 66 per cento rispetto a quello medio di ogni componente di una famiglia tipo. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat dalla quali si evidenzia che quasi una famiglia su tre in Italia e' formata da un unico componente. L'aumento del 41,3 per cento delle famiglie composte da una sola persona negli ultimi diei anni si scontra - sottolinea la Coldiretti - con una vera corsa ad ostacoli nella vita quotidiana dovuta piu' spesso alle difficolta' per far quadrare i bilanci che per la i problemi di solitudine.

Vivere da soli e' piu' costoso secondo una analisi Coldiretti sulla base dei dati Istat dalla quale si evidenzia che la spesa media per alimentari e bevande di un single e' di 332 euro al mese, il 62 per cento superiore a quella media di ogni componente di una famiglia tipo di 2,3 persone che e' di 204 euro. Per i single - prosegue la Coldiretti - l'aumento di costi e' piu' del doppio (101 per cento) per l'abitazione, del 76 per cento per i combustibili e per l'energia e del 29 per cento per i trasporti rispetto alla media per persona di una famiglia tipo. I motivi della maggiore incidenza della spesa a tavola sono certamente da ricercare - continua la Coldiretti - nella necessita' per i single di acquistare spesso maggiori quantita' di cibo per la mancanza di formati adeguati che comunque anche quando sono disponibili risultano molto piu' cari di quelli tradizionali. D'altra parte gli appartamenti e le case piu piccole hanno prezzi piu' elevati al metro quadro sia in caso di acquisto che di affitto, usare l'automobile da soli costa di piu' come pure riscaldare un appartamento. La scelta di non stare in coppia - continua la Coldiretti - non e' peraltro sempre volontaria ma e' anche determinata dall'invecchiamento della popolazione con un maggior numero di anziani rimasti in casa da soli che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese. Non e' un caso che ben l'8,6 per cento delle presone che vivono da sole sopra i 65 anni si trovano - conclude la confederazione - in una situazione di poverta' secondo l'Istat, con la percentuale che sale addirittura al 18,6 per cento nel mezzogiorno. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech