giovedì 19 gennaio | 18:17
pubblicato il 09/mar/2013 11:47

Crisi: Coldiretti, frodi a tavola, sequestri 2012 per mezzo miliardo

(ASCA) - Roma, 9 mar - Con la crisi aumenta il rischio frodi a tavola con l'utilizzo di ingredienti di bassa qualita' per ridurre i costi mentre oltre un certo limite sul cibo non e' possibile risparmiare se non si vuole mettere a rischio la salute. E' quanto afferma la Coldiretti in riferimento ai recenti scandali alimentari, dalla carne di cavallo alle cappesante, nel sottolineare che le frodi alimentari scoperte in Italia hanno portato complessivamente al sequestro di quasi 20 milioni di chili di prodotti alimentari e bevande per un valore di 468 milioni di euro nel 2012, sulla base dell'ottima attivita' svolta dai carabinieri dei Nas. Le preoccupazioni, secondo la Coldiretti, riguardano anche il fatto che l'Italia e' un forte importatore di prodotti alimentari, con il rischio concreto che nei cibi in vendita vengano utilizzati ingredienti di diversa qualita' come il concentrato di pomodoro cinese, l'extravergine tunisino, la cagliata di latte della lituania o il prosciutto olandese spacciato per nazionale. I prodotti alimentari piu' colpiti dalle frodi sono stati - sottolinea la Coldiretti - farine, pane e pasta (16 % in valore del totale sequestrato), quello della carne e degli allevamenti (11%), latte e derivati (8%), vini e alcolici (5%). Va precisato peraltro che ben il 31% del valore dei sequestri riguarda la ristorazione con la chiusura dei locali. Gli ottimi risultati dell'attivita' investigativa confermano - sostiene la Coldiretti - che tra Agenzie delle Dogane, Nas dei Carabinieri, Istituto Controllo Qualita', Capitanerie di Porto, Corpo Forestale e Carabinieri delle Politiche Agricole, Asl, ai quali si aggiunge l'attivita' degli organismi privati, l'Italia puo' contare sul primato comunitario in materia di scurezza alimentare grazie alla piu' estesa rete di controlli. Un impegno che va sostenuto - conclude la Coldiretti - stringendo le maglie troppo larghe della legislazione comunitaria con l'obbligo di indicare in etichetta la provenienza di tutti gli alimenti per garantire trasparenza negli scambi commerciali, agevolare l'attivita' ispettiva e difendere i consumatori ed i produttori dal rischio di frodi ed inganni.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale