venerdì 20 gennaio | 21:49
pubblicato il 16/nov/2013 12:42

Crisi: Coldiretti, 42% italiani taglia acquisti pane. Minimo storico

Crisi: Coldiretti, 42% italiani taglia acquisti pane. Minimo storico

(ASCA) - Roma, 16 nov - Con la crisi si taglia anche sugli acquisti del pane che nel 2013 scendono al minimo storico con ben il 42 per cento degli italiani che ha ridotto le quantita' acquistate. E' quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixe' dalla quale si evidenzia che a cambiare e' anche la frequenza degli acquisti che in media e' di 4,6 volte alla settimana, con pero' solo il 37 per cento degli italiani che si reca tutti i giorni dal fornaio per assicurarsi il pane artigianale mentre il 16 per cento vi si reca una volta ogni due giorni, il 22 per cento due volte alla settimana e l'11 per cento appena una volta alla settimana.

Il risultato e' che per la prima volta nella storia degli italiani - sottolinea la Coldiretti - sono stati servito a tavola nel 2013 circa a 98 grammi per persona al giorno, con il consumo del bene alimentare piu' prezioso che e' sceso con circa una fettina a testa a pranzo ed una a cena (due fette sono 100 grammi), al minimo storico dall'Unita' d'Italia Anche se a pesare sono gli tili alimentari, particolarmente sensibile e' stato il calo degli acquisti negli ultimi anni di crisi economica con un crollo in rispetto ai 145 grammi a persona del 2007. Il trend discendente - precisa l'associazione - viene pero' da lontano: nel 1980 si aggira intorno agli 230 grammi a testa al giorno, nel 1990 si scende a 197 grammi, nel 2000 si arriva a 180 grammi, nel 2010 si attesta a 120 grammi e nel 2012 crolla a 106 grammi.

Complessivamente, la spesa familiare per pane, grissini e cracker in Italia ammonta a quasi 8 miliardi all'anno. Le famiglie italiane hanno speso in media 30,15 euro al mese per acquistare il pane, grissini e cracker che e' pari ad appena il 6,4 per cento della spesa alimentare familiare risultata di circa 468 euro al mese. Negli anni della crisi il contenimento delle quantita' acquistate dalle famiglie si e' riflesso sulla spesa che nel 2007 era pari a 31,72 euro a famiglia al mese.

Piu' di quattro italiani su dieci (42 per cento) nel 2013 hanno mangiato il pane avanzato dal giorno prima, sulla base dell'indagine Coldiretti/IXE', dalla quale si evidenzia peraltro che appena una minoranza del 2 per cento butta il pane superfluo. Diverse sono le tecniche utilizzate per evitare quello che una volta veniva considerato un vero sacrilegio, con il 44 per cento degli italiani che lo surgela, il 43 per cento lo grattugia il 22 per cento lo da' da mangiare agli animali mentre nel 5 per cento delle famiglie il pane non avanza mai. Sono ben il 24 per cento gli italiani che - conclude la Coldiretti - utilizzano il pane raffermo per la preparazione di particolari ricette che vengono spesso dalla tradizione contadina. com-rba/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4