sabato 21 gennaio | 03:46
pubblicato il 30/gen/2013 17:07

Crisi: Cia, la fiducia delle imprese risale. Ma non in agricoltura

(ASCA) - Roma, 30 gen - Risale il clima di fiducia delle imprese italiane, ma non in agricoltura. Se a gennaio ricomincia a crescere il 'sentiment' economico del tessuto industriale del Paese, non si puo' dire lo stesso delle campagne, dove prevale il pessimismo sul futuro. Lo afferma la Cia (Confederazione italiana agricoltori), in merito ai dati diffusi dall'Istat.

Nel 2012 il settore primario ha perso 17 mila imprese, che sono crollate sotto il peso della crisi, dell'aumento dei costi e dell'assenza di misure di sostegno adeguate - ricorda la Cia - e anche l'anno nuovo si e' aperto con prospettive ''nere'' e giudizi negativi. Il fatto e' che oggi il mondo agricolo e' sotto pressione, schiacciato prima di tutto dai rialzi delle spese di produzione, che in un anno sono cresciute il doppio dei prezzi praticati sui campi, vanificando di fatto ogni possibile guadagno. Soltanto i costi per i carburanti sono cresciuti nel 2012 del 4,5 per cento, contro un incremento medio annuo dei prezzi dei prodotti agricoli del 2,1 per cento.

Ma il settore perde forza e vitalita' anche per colpa dell'Imu, con un aumento stimato di 130 milioni di euro solo per il gettito dei terreni agricoli - continua la Cia - mentre il ''credit crunch'' raggiunge livelli insostenibili, con tre aziende su cinque che denunciano difficolta' enormi nell'accesso a finanziamenti e prestiti. Anche creare nuova occupazione diventa dispendioso per gli imprenditori agricoli: in Italia le aliquote a carico del datore di lavoro per l'assunzione di manodopera sono pari al 35 per cento circa - evidenzia la Cia - contro il 12 per cento del Regno Unito, il 13 per cento della Francia o il 15,8 per cento della Spagna.

E' chiaro che tutto questo non aiuta ad avere fiducia nelle prospettive del Paese - conclude la Cia - anzi demoralizza e abbatte. Ecco perche' la prossima legislatura dovra' immediatamente affrontare i problemi del settore primario, partendo proprio dalla riduzione delle accise e della pressione fiscale e contributiva a carico delle aziende. D'altra parte, l'agricoltura e' un elemento centrale della struttura economica e occupazionale dell'Italia, una garanzia per la tutela del territorio e dell'ecosistema.

com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4