venerdì 09 dicembre | 10:53
pubblicato il 19/apr/2013 14:14

Crisi: Cia, costi produttivi e oneri sociali soffocano imprese agricole

(ASCA) - Roma, 19 apr - ''Ormai e' una vera e propria emorragia Nel primo trimestre dell'anno oltre 13 mila imprese agricole sono state costrette a chiudere, soffocate dai costi sempre piu' alle stelle. Tra mezzi di produzione (concimi, mangimi, sementi, antiparassitari, gasolio), oneri contributivi e burocratici, siamo in presenza di un peso insostenibile. A questi si aggiunge la 'mannaia' dell'Imu sui fabbricati rurali e sui terreni e la mancanza di una politica agricola mirata allo sviluppo e alla competitivita'''. Lo sostiene il presidente della Cia (Confederazione italiana agricoltori), Giuseppe Politi, in merito ai dati resi noti da Unioncamere.

''Una situazione disastrosa alla quale bisogna porre al piu' presto rimedio. Ed e' per questo - aggiunge - che sollecitiamo subito un governo autorevole in grado di sviluppare una strategia che ci porti fuori dalla crisi e apra cosi' nuove prospettive di crescita''. ''Oggi i costi produttivi - avverte Politi - incidono sulla gestione aziendale agricola, in media, tra il 60 e l'85 per cento per cento. Non solo. A questi aumenti si sono aggiunti anche gli oneri previdenziali (in poco meno di due anni +26 per cento) e quelli di carattere burocratico. Oneri pesanti che si traducono in forte ostacolo alla crescita economica delle imprese, con un'incidenza negativa notevole sull'occupazione e la competitivita'''. ''Inoltre, mentre si fa sempre piu' forte la stretta creditizia (-22 per cento di finanziamenti al settore in un anno) - continua il presidente della Cia - crescono le situazioni debitorie delle imprese. Ad oggi, infatti, ben due aziende agricole su tre sono gravate da debiti e tre su dieci non riescono piu' a fronteggiarlo, con il rischio di finire nella rete dell'usura e della criminalita' organizzata''.

''Tutto questo scoraggia le imprese, gettandole nella disperazione, e certo l'Imu e' stato un ulteriore ''carico da novanta'. Ma l'agricoltura e' fondamentale per il Paese. Ecco perche' insistiamo - conclude Politi - sull'esigenza di una svolta che soltanto un governo forte politicamente puo' dare.

Da qui il nostro invito affinche' si faccia presto. E' a rischio il futuro di migliaia di imprese agricole''.

com/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina