lunedì 23 gennaio | 14:03
pubblicato il 21/mag/2013 10:16

Crisi: Chiesa, piu' di 2500 prestiti a famiglie. Aumentano gli italiani

Crisi: Chiesa, piu' di 2500 prestiti a famiglie. Aumentano gli italiani

(ASCA) - Roma, 21 mag - La crisi continua a 'mordere' soprattutto le famiglie italiane. Una ulteriore conferma vioene dalla Cei che ha attivato una forma di microcredito, per le situazioni di difficolta' econimica. Un progetto che prevede un prestito al massimo di 6mila euro per le famiglie e di 15mila per le aziende da restituire in 60 mesi a un tasso agevolato. Per l'erogazione e' previsto l'intervento delle principali banche italiane grazie a un accordo tra l'Abi e la Cei. Vi possono far ricorso anche disoccupati e cassaintegrati con un unico reddito in famiglia o persone che non hanno mai lavorato, piccole imprese ''a serio di fallimento''.

A dare spazio all'iniziativa, la Radio Vaticana che, in un servizio del suo radiogiornale, ha fatto il punto sui risultati dell'iniziativa.

Nel biennio 2009-2010, si ricorda, il 46% delle richieste riguardava il Nord, il 20% circa il Centro, il 33% il Sud. Il 57% dei richiedenti, si sottolinea, sono risultati italiani.

Da un paio di anni a questa parte, invece, la percentuale degli italiani che sono ricorsi ai prestiti e' balzata a oltre l'80%, investendo per oltre il 62% il Mezzogiorno (Campania e Sicilia soprattutto). A richiedere l'intervento del ''Prestito della Speranza'' sono per il 67% famiglie in cui la persona che ha perso il lavoro ha tra i 35 e i 54 anni, dunque soggetti nel pieno della capacita' produttiva ma che hanno difficolta' a trovare una nuova occupazione. ''Rimane che, nonostante la sensibilita' di parte anche degli operatori bancari, le banche ancora non investono sullo strumento del microcredito. - ha commentato all'emittente vaticana don Adriano La Regina, responsabile del Prestito della Speranza - E' un ritardo, io reputo di natura culturale, che impedisce alle banche di pensare al microcredito come a uno dei segmenti della nuova economica, che puo' essere a vantaggio anche del profit, che la banca deve fare perche' e' anche un'azienda''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4