domenica 04 dicembre | 21:48
pubblicato il 03/mag/2011 15:29

Crisi/ Cgil:Ad aprile 470mila in Cig, 2.600 euro in meno salario

Sempre più aziende in cassa straordinaria, 2.573 in quadrimestre

Crisi/ Cgil:Ad aprile 470mila in Cig, 2.600 euro in meno salario

Roma, 3 mag. (askanews) - Sono oltre 470mila i lavoratori coinvolti nei processi di cassa integrazione che nei soli primi quattro mesi dell'anno hanno già perso più di 1,5 milioni di euro, pari a circa 2.600 euro in meno in busta paga. E' quanto rileva l'osservatorio Cig del dipartimento settori produttivi della Cgil nel rielaborare le rilevazioni Inps sui dati di cassa integrazione ad aprile. Secondo il sindacato, infatti, in questi primi mesi dell'anno, considerando i lavoratori equivalenti a zero ore per tutto questo periodo, pari a 17 settimane lavorative, si è determinata un'assenza completa di attività produttiva per oltre 470.000 lavoratori. Sempre in questo periodo i lavoratori parzialmente tutelati dalla Cig hanno già perso nel loro reddito oltre 1,5 milioni di euro. Ogni singolo lavoratore che è stato a zero ore per tutto il periodo ha già avuto una perdita economica personale certa di 2.600 euro netti. I dati dell'Inps, osserva il segretario confederale, Vincenzo Scudiere, "confermano che, a fronte di una leggera ripresa congiunturale, persiste e si evidenzia sempre più uno spessore strutturale della crisi economica e produttiva: molti lavoratori escono dalla cassa ordinaria mentre altrettanti restano in cassa integrazione straordinaria o addirittura aumentano in deroga". Di fatti, sottolinea il rapporto della Cgil, dai dati di aprile si registra "un calo della richiesta delle ore di cigo, aumenta leggermente la richiesta delle ore di cigs +0,10%, mentre la cigd, in diminuzione sul mese precedente, aumenta sull'anno precedente del +18,92%". L'osservatorio Cig della Cgil ha inoltre elaborato un rapporto sulle aziende in cassa integrazione straordinaria ad aprile 2010 da dove emerge che nei primi quattro mesi dell'anno si sono registrati 2.573 nuovi ricorsi aziendali ai decreti di Cigs. Un numero che conferma una continua tendenza all'aumento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno quando invece si registravano 2.379 ricorsi. La crescita tendenziale risulta quindi essere del +8,15% e riguarda 3.860 unità aziendali rispetto alle 3.357 del primo quadrimestre dello scorso anno (+14,98%).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari