giovedì 19 gennaio | 21:10
pubblicato il 28/ago/2013 15:34

Crisi: Cgil, oltre 9 mln persone in sofferenza e disagio occupazionale

Crisi: Cgil, oltre 9 mln persone in sofferenza e disagio occupazionale

(ASCA) - Roma, 28 ago - Per la prima volta dall'inizio della crisi sono oltre 9 milioni le persone che vivono nell'area della sofferenza e del disagio occupazionale. E' quanto certifica il periodico rapporto di ricerca dell'associazione Bruno Trentin-Isf-Ires ''Gli effetti della crisi sul lavoro in Italia'' che rielabora i dati Istat relativi al primo trimestre dell'anno dai quali emerge che ''l'area della sofferenza e quella del disagio occupazionale hanno complessivamente superato, per la prima volta dall'inizio della crisi, i 9 milioni di persone in eta' da lavoro, per la precisione 9 milioni e 117 mila''. Nel rapporto redatto dall'associazione guidata da Fulvio Fammoni, di cui qui si fornisce una prima anticipazione, si rileva che ''solo negli ultimi 12 mesi dell'anno si e' registrato un incremento complessivo del 10,1% (equivalente a + 835.000 unita'), mentre rispetto al primo trimestre 2007 l'aumento e' del 60,9% (+ 3 milioni e 450mila persone)''.

Dati che determinano come l'area della sofferenza, quel segmento costituito da disoccupati, scoraggiati e cassa integrati, ''si attesti a 5 milioni e 4mila persone mentre quella del disagio, ovvero precari e part time involontari, a 4 milioni e 113mila unita'''. Ma queste sono solo alcune anticipazioni del rapporto scaricabile sul sito dell'istituto di ricerche economiche e sociali della Cgil. ''Questi sono solo i dati principali di una ricerca che - si legge in una nota del presidente dell'associazione Trentin, Fammoni - evidenzia molti altri aspetti del progressivo deterioramento del mercato del lavoro italiano fra cui: il dramma della disoccupazione giovanile, l'emergenza Mezzogiorno, l'aumento della disoccupazione di lunga durata, il permanere di una alta quota di inattivita', un part time involontario in costante crescita dal 2007, l'anomalia di una precarieta' non solo subita ma che, contrariamente a quanto si afferma, non porta piu' occupazione nonostante sia la forma di ingresso al lavoro nettamente prevalente''. Dati che, conclude la nota dell'associazione Bruno Trentin-Isf-Ires, ''sono molto gravi e confermano la drammaticita' del problema occupazione e della conseguente urgenza di interventi concreti per lo sviluppo e per un lavoro stabile e di qualita'''. com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale