martedì 28 febbraio | 04:12
pubblicato il 15/feb/2013 15:01

Crisi: Cgil, a gennaio ore cig a 88,8 mln. Record dal 1980

Crisi: Cgil, a gennaio ore cig a 88,8 mln. Record dal 1980

(ASCA) - Roma, 15 feb - Le ore di CIG autorizzate a gennaio 2013 sono state 88.869.000, con un incremento del 2,72% rispetto al dicembre 2012 e del 61,64% rispetto al gennaio 2012. Il dato piu' alto dal 1980. In forte aumento anche la richiesta di Cigs: a gennaio 2013 le aziende in Cigs aumentano del 98,44% rispetto a gennaio 2012 e del 25,46% rispetto al dicembre 2012. Sono questi alcuni dei numeri contenuti nel Rapporto dell'Osservatorio CIG del Dipartimento Settori Produttivi della CGIL Nazionale, elaborato sui dati INPS relativi al mese di gennaio. ''Questi numeri - afferma il segretario confederale della CGIL, Elena Lattuada - dimostrano che lo spessore della crisi industriale ed economica e' sempre piu' profondo, una conferma viene anche dall'andamento della produzione industriale rilevata dai dati dell'Istat in forte riduzione del 6,7%, rispetto all'anno precedente, e con flessioni dei comparti produttivi su percentuali a due cifre''. ''Ci troviamo di fronte ad una vera emergenza - prosegue la sindacalista - il nostro sistema industriale e' stato lasciato andare alla deriva, in questi anni non e' stato fatto nessun intervento significativo, nessuna scelta strategica, quasi nessuna crisi aziendale e' stata risolta positivamente. Le scelte governative hanno riguardato piu' gli effetti, il mercato del lavoro, che non le cause: sistema industriale non piu' competitivo per qualita', prezzi, contenuti tecnologici. Come poco e niente si e' fatto verso quei fattori di competitivita' per tutto il sistema paese: energia, trasporti, semplificazioni burocratiche, alleggerimento fiscale, ricerca, sistema finanziario''. ''Il fallimento di chi ha maggiormente governato negli ultimi venti anni - conclude Lattuada - sta tutto nei numeri della crisi, un disastroso debito pubblico, un PIL che continua a diminuire (- 2,4%), mentre i disoccupati continuano a crescere, (solo nel 2012 del +21,4%), l'inflazione e' al 3%, ma per i redditi medi e bassi va ancora peggio, perche' la spesa per vivere e' cresciuta del 4,3%''. Dal rapporto della CGIL si evidenzia come nel mese di gennaio i settori piu' in difficolta' e con piu' ore di CIG richieste restano il settore Meccanico (in aumento del 79%), il settore del Commercio (in aumento del 80,12%) e il settore dell'Edilizia (in aumento del 57,46%).

Per quanto riguarda invece le aree geografiche la richiesta di CIG cala in sei regioni, mentre aumenta in quattordici, tra cui consistentemente in Lombardia (+56,94%), nel Lazio (+60,05%), in Piemonte (+66%), in Emilia Romagna (+82,32%), nelle Marche (+121,95%), in Abruzzo (+171,31%), in Campania (+85,60%), in Puglia (+115,12%), in Sicilia (+118,84%) e in Sardegna (+169,53%).

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech