venerdì 09 dicembre | 20:39
pubblicato il 22/mar/2014 12:00

Crisi, Cgil: a febbraio 440 mila in cig, -1.300 euro a testa

"Urgente creare lavoro, discutere criteri contratti solidarietà"

Crisi, Cgil: a febbraio 440 mila in cig, -1.300 euro a testa

Roma, 22 mar. (askanews) - Riparte a febbraio la richiesta di ore di cassa integrazione, poco oltre la media di 80 milioni di ore mese registrate da gennaio 2009 a oggi, coinvolgendo così circa 480 mila lavoratori a zero ore che hanno subito a partire da inizio anno un taglio del reddito di 630 milioni di euro, ovvero 1.300 euro netti in meno in busta paga per ogni singolo lavoratore. Questi alcuni dei dati contenuti nel rapporto della Cgil di febbraio sulla cassa integrazione, frutto di elaborazioni dei dati Inps da parte dell'Osservatorio Cig del sindacato. "La mole, enorme e costante, di ore di cassa che ci accompagnano dall'inizio della crisi ad oggi dimostra come la crisi stia ancora dispiegando i suoi effetti sul tessuto produttivo e sulla condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori", afferma il segretario confederale della Cgil, Elena Lattuada, sottolineando come dai dati dell'osservatorio Cig del sindacato emerge che "c'è un bisogno vitale di un cambio nella politica economica che sostenga gli investimenti a favore della creazione di posti di lavoro e, allo stesso tempo, tempo rispondere alle emergenze procedendo al rifinanziamento della cassa in deroga". Secondo la dirigente sindacale, infatti, "'precarizzare la sola offerta, come fatto con il dl lavoro, non aiuta ma al contrario conferma le stesse ricette di svalorizzazione del lavoro che ci hanno condotto nella crisi". Il rapporto della Cgil segnala come la richiesta di cassa a febbraio sia stata pari a 83.254.625, in aumento sul mese precedente del +2,32%. Nei primi due mesi dell'anno, con 164.618.658 ore totalizzate, si registra una flessione sullo stesso periodo del 2013 del -3,06%. E se rimane costante la richiesta media di ore pari a 80 milioni di ore al mese, allo stesso tempo è elevata l'incidenza delle ore di cig per lavoratore occupato nel settore industriale, pari in questi due mesi di inizio anno già a 25 ore per addetto. I contratti di solidarietà si mantengono in aumento e cresce anche la percentuale sul totale dei decreti rispetto al 2013. Da inizio anno sono infatti 352, per un +23,08% sui primi due mesi del 2013, e rappresentano il 29,48% del totale dei decreti. Sui contratti di solidarietaà, rifinanziati dal decreto lavoro Lattuada afferma: " una misura positiva e che salutiamo con favore. Usare i contratti di solidarietà significa tener agganciate le persone al luogo di lavoro e alla produzione. Vogliamo per discutere i criteri di applicazione". Per la Cgil "gli sgravi debbono favorire quelle imprese che si assumono impegni precisi per garantire e mantenere produzioni e posti di lavoro. Per questo chiediamo un confronto con i ministeri competenti che determini queste condizioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Natale
Coldiretti: alberi di Natale in 9 case su 10
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina