sabato 25 febbraio | 10:25
pubblicato il 01/ott/2011 15:52

Crisi/ Cgia Mestre: Aumento tassi costato a imprese 2,6 miliardi

Rialzi fino al 10%.Bcc e Confidi non riescono più ad ammortizzare

Crisi/ Cgia Mestre: Aumento tassi costato a imprese 2,6 miliardi

Milano, 1 ott. (askanews) - "Per effetto dell'aumento dei tassi di interesse, nei primi nove mesi di quest'anno il sistema delle imprese italiane ha speso 2,6 miliardi di euro in più". E' quanto afferma la Cgia di Mestre. "Dall'inizio dell'anno ad oggi - ha messo in evidenza il segretario Giuseppe Bortolussi - i principali tassi di interesse sono cresciuti in maniera significativa. Su uno stock odierno di oltre 924 miliardi di euro di prestiti erogati dalle banche alle imprese, questa repentina impennata dei tassi ha fatto salire le spese in capo alle aziende di ben 2,6 miliardi. E' chiaro che se la situazione di instabilità continuerà anche nei prossimi mesi, i costi saliranno ulteriormente, con il pericolo di mettere in grave difficoltà la tenuta finanziaria di moltissime imprese". "All'inizio di quest'anno - si legge nella nota della Cgia di Mestre - il valore medio dei principali tassi di interesse applicati alle imprese era del 3,5% circa. Dopo il duplice aumento del tasso ufficiale di sconto avvenuto nei mesi scorsi e il successivo incremento del differenziale tra i titoli italiani e i bund tedeschi, il tasso di interesse medio è 'schizzato' al 4,5% circa. Tuttavia, non sono poche le segnalazioni avvenute in questi giorni che denunciano situazioni molto particolari, dove il costo del denaro applicato ad alcune aziende si è impennato sino a superare il tasso del 10%". A livello territoriale sono le imprese lombarde le più penalizzate. In termini assoluti, l'aumento delle spese da inizio anno è stato di 724,7 milioni di euro, pari ad un valore medio per azienda di 874,3 euro. Seguono il Lazio (286, 8 milioni per un dato pro azienda pari a 618,5 euro) e l'Emilia Romagna (286 mln di euro e 665,7 ? pro azienda). "Questa situazione - ha concluso il segretario Bortolussi - sta facendo emergere il pericolo di una nuova stretta creditizia, con una grossa novità rispetto al recente passato. Se all'inizio della crisi molte piccole aziende rifiutate dai grandi istituti di credito si rifugiavano presso le Banche di Credito Cooperativo o i Confidi, adesso anche queste realtà non sono più in grado, perché a corto di liquidità, di fungere da sportello-rifugio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech